Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Omosessualità (019429)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 13 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Angelo, 26 anni

Salve io mi chiamo Angelo e ho 26 anni. Sono un ragazzo di taranto. Ho bisogno del vostro aiuto psicologico perchè mi trovo in un vicolo cieco. Allora sono omosessuale, vivo con i miei a taranto e conosco molti quasi tutti i gay della mia città però non sono dichiarato a casa. Mi sento come in una gabbia, non riesco a vivere più a casa con i miei perchè non riesco ad avere una vita mia, avere relazioni e storie. I miei vogliono che continui a studiare qui all'università ingegneria ,mi mancano 16 esami alla laurea ma io dati questi problemi ho perso interesse verso l'università. Altri problemi sono sorti nel 2003. Ho avuto un grave problema di salute,un tumore e entro un anno con la mia forza di volonta e positività sono guarito e ora faccio controlli ogni tanto ma sono fuori pericolo. Questa è la mia vita. Non so che fare mi sento chiuso in gabbia a taranto, non ho una vita e non mi interessa continuare gli studi, vorrei trasferirmi al più presto a roma, una grande città dove potrei vivere più serenamente la mia vita omosessuale dato che ci sono molti locali e più libertà. Qui non c'è nulla, nemmeno un bar dove conoscere altri ragazzi e le chat sono solo piene di brutta gente. vi prego di aiutarmi,davvero non so come uscire fuori da questo periodo. Grazie anticipate

Caro Angelo, purtroppo l’atteggiamento nei confronti dell’omosessualità che c’è in Italia è ancora molto chiuso, e questo vale in modo forse ancora più forte per quanto riguarda il Sud.Dalla sua richiesta però io non sono riuscita a capire se lei si senta in gabbia perché non ha parlato ai suoi genitori del fatto che è omosessuale, o per la città in cui vive. Credo però che il sentirsi in gabbia sia più che altro un atteggiamento mentale, che non ha molto a che fare con il posto in cui si abita. Probabilmente parlare con i suoi genitori l’aiuterebbe, anche se mi rendo conto che non sarebbe affatto facile; ma potrebbe esserle d’aiuto anche analizzare i motivi per i quali lei si sente così costretto. Andare a vivere in una città più grande risolverebbe il suo problema solo se lei non si creasse delle “gabbie” interiori….altrimenti neppure New York sarebbe abbastanza grande. La libertà non è una cosa che viene dall’esterno, ma dall’interno. Le faccio molti auguri

(risponde la dott.ssa Serena Leone)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito confuso (1521708111477)

luisa, 48     Buongiorno, chiedo parere per mio marito 44 anni. Siamo sposati da 10 anni con bimbo di 9. Mi ha lasciata per una pausa di riflessi...

Che fare? (1520934157214)

Roberta, 26     Buongiorno, sto insieme al mio ragazzo da 5 anni e dopo alcuni alti e bassi, circa 6 mesi fa abbiamo deciso di provare a vivere i...

Amore non corrisposto (152165…

very, 19     Salve, le scrivo perchè non riesco a liberarmi di una persona... ...

Area Professionale

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

La misura del cambiamento in p…

Il Test semiproiettivo I.Co.S. (Indice del Confine del Sé), in quanto strumento capace di rilevare efficacemente e dettagliatamente lo stile di gestione delle r...

La Psicoterapia Psicodinamica…

La prestigiosa rivista “The American Journal of Psychiatry” ha pubblicato nuovi dati meta-analitici che confermano come l'efficacia della psicoterapia psicodina...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolier...

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (in...

News Letters

0
condivisioni