Pubblicità

Omosessualità (070727)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 38 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Daniele 26 anni, 15.03.2004

Salve,ho 26 anni, non ho mai avuto rapporti sessuali;confesso che le dimensioni del mio pene lasciano molto a desiderare e credo che questo sia motivo della mia presunta invidia del pene.Già, perchè sono in un certo qual modo attratto da ragazzi vesibilamente dotati.
Quando mi masturbo penso solitamente a ragazzi, ma subito dopo mi viene una specie di "rigetto",è come se dentro di me sapessi di non essere gay e per questo divento molto nervoso solo per il fatto di aver pensato a ragazzi.
Ho tentato di creare,con ragazze,situazioni favorevoli a un rapporto sessuale,e devo dire che ci sono parecchie volte riuscito ma, subito dopo è come se mi fossi pentito perchè è come se avessi una certa paura del sesso, ho paura per le dimensioni del mio pene, di un confronto che possano fare tra me e altri ragazzi e si vengono a creare situazioni e stati d'animo che il mio pene è come se diventasse ancora più piccolo e non trovo stimoli per una erezione.
Ho paura che io sia gay, ma questo n on mi va, forse perchè dentro di me non voglio esserlo o semplicemente lo credo anche se nell'incoscio so che così non è.
Mi chiedevo se esiste un modo ( nel caso io sia effettivamente gay ) di essere "normale", vero uomo.
Non so, magari con dei farmaci!In conclusione, io nel caso fossi gay, non riuscirei ad accettarlo, voglio non esserlo, sono felice di essere un ragazzo, ma non accetto questi miei problemi.
Volevo anche sapere se esistono veramente dei farmaci che possano (considerato che ho 26 anni) che riescano effettivamente ad allungare il pene,farmaci che aiutano ad avere più autostima,che mi aiutino a superare problemi come quelli sopra citati che mi assillano e non mi fanno vive per nulla una vita sessuale tranquilla e normale. Fiduciosa di una Vostra risposta Vi porgo i miei più cordiali saluti. Grazie.

Caro Daniele la prima cosa che devi assolutamente fare è prendere un appuntamento con un andrologo per verificare se le tue paure riferite alle dimensioni del pene sono reali.
Esistono sistemi per ottenere miglioramenti nelle dimensioni ma non si tratta di trattamenti farmacologici, nei casi più importanti si può ricorrere ad intervento chirurgico.
Ti trasmetto queste informazioni soltanto per portarti a conoscenza che se è necessario con l'aiuto dell'andrologo qualche cosa si può fare.
Per quanto riguarda la presunta omosessualità potrebbe essere soltanto una manifestazione d'ineguatezza incrementata dall'idea di avere il pene piccolo.
Anche in questo caso non esistono, e meno male, farmaci che possono influire sulle predisposizioni sessuali degli individui. Una volta consultato l'andrologo se i dubbi verso la tua identità sessuale restano immutati la via più adeguata per affrontare le problematiche che ti angosciano è quella di un percorso psicologico. Auguri.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters

0
condivisioni