Pubblicità

Omosessualità (081296)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 42 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marco, 28 anni

Ciao.. sono un ragazzo (28 anni.. un uomo, forse dovrei dire).. e sto vivendo una vita di angoscia per via della mia sessualità. Ho sempre avuto tendenze omosessuali, ma sono sempre state "latenti", con qualche amico una decina, forse qualcosa di più, di anni fa ho avuto anche alcune esperienze, ma erano in un ottica di eccitazione comune, e mai viste col pensiero "se fossi omosessuale?" Il problema che da qualche anno non sono più con la mia ragazza, con la quale avevo rapporti normali anche se per me insoddisfacenti (lei era.. molto inibita e io sognavo qualcosa di più coinvolgente).
Quando è finita ho avuto una serie di storie, ma via via che passava il tempo il mio interesse per le ragazze (a livello sessuale) diminuiva. Da un bel pò di tempo a questa parte, mi ritrovo eccitato in presenza di uomini ma non di donne. La mia spiegazione è che quello che prima era latente, dopo la paura di non piacere sviluppata successivamente e purtroppo radicata da una mia forte tendenza all'eccessivo autocommiserazione, è uscito fuori. Tutto questo mi spaventa terribilmente. Io non provo attrazione sentimentale nei confronti di uomini, per niente. Qualsiasi passione e sentimento, dentro di me la sentirei ridicola per un uomo ma... comincio a dubitare della mia virilità.. e non riesco a vivere serenamente ne la mia sessualità ne la mia vita sentimentale, in quanto ognuna diretta in una direzione differente.. questo, più il fatto di non sentirmi di interesse per le ragazze, mi porta a non provarci neanche più, riducendo le possibilità di riavere una storia sentimentale importante a zero.. e quindi anche le conferme di non essere omosessuale. Davvero angosciato...

Caro Marco, capisco che lei possa essere angosciato, dato che a quanto scrive è in una situazione di totale confusione. La scelta di essere o meno omosessuali però non è così libera; se una persona è omosessuale non deve fare altro che accettarlo, altrimenti si fa solo del male. Forse lei non è omosessuale, o forse la sua mancanza di attrazione sentimentale nei confronti degli uomini è dovuta all'impossibilità di accettare la propria natura. Non so dirle quale sia la verità. Posso dirle però che, quale che sia il suo orientamento sessuale è giusto che lei lo accetti, che non si senta inferiore, o meno virile per nessun motivo. Posso consigliarle di consultare uno psicologo, magari di iniziare un percorso che la aiuti a chiarire le cose dentro di sé, e soprattutto ad accettare la verità, qualunque sia. Coraggio

 

( risponde la dott.ssa Serena Leone )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni