Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Omosessualità (101450)

on . Postato in Sessualità | Letto 4 volte

Laura 50

Buongiorno, non so da dove cominciare tanto sono frastornata. Ho scoperto da circa un mese che mia figlia di 21 anni è omosessuale. Ha una relazione da circa sei mesi con una donna di 35 anni. Per mio marito e me è stata una scoperta difficile  da accettare e vista la difficoltà ho deciso di andare a colloquio con una psicologa. Questa psicologa ha puntato il dito contro di me, dicendomi che l'omosessualità nasce da un rapporto morboso con la madre. La cosa mi ha lasciata interdetta in quanto non ho mai creduto d'avere un rapporto morboso con mia figlia. Betta è sempre stata una ragazza solare, aperta, piena di amici. Ha viaggiato, pratica sport con impegno. Frequenta l'università lontano da casa e per questo ormai da due anni vive da sola, dividendo la casa con altri tre studenti (in casa sono due ragazze e due ragazzi). Questo lo dico per cercare forse di convincermi che non l'ho tenuta legata a me, ma ho cercato di darle autonomia. ma la dottoressa insiste nel dire che in superficie è così, ma nel profondo la situazione è diversa. Abbiamo ripercorso insieme l'infanzia di Betta. Ha sofferto di enuresi tra gli otto e i dodici anni, voleva spesso, anche da adolescente, dormire nel lettone con noi, e cercava sempre le mie coccole. Sembra che l'affetto che prova per questa donna non sia altro che un trasferimento dell'amore materno. Mio marito ed io abbiamo un rifiuto totale per la donna al quale betta si è legata, e questa nostra presa di posizione scatena spesso accese discussioni con lei. La psicologa ci dice che dobbiamo essere duri perchè c'è il rischio che Betta se assecondata non riesca a riflettere e non si assuma le sue responsabilità. aggiunge inoltre che non dobbiamo parlare assolutamente del problema con lei e se è lei a farlo dobbiamo rifiutarci. In verità non so se sia la scelta giusta, ma al momento è questo il comportamento che stiamo tenendo con lei. In questo periodo si parla spesso in televisione di omosessualità. e quello che si sente dire è che bisogna essere tolleranti e quindi potete immaginare la nostra confusione. Ho consigliato a Betta, subito appena scoperta la cosa di andare da uno psicologo, anche perchè lei per prima ha grosse difficoltà ad accettarsi ed anche la dottoressa è dello stesso avviso. Ma al momento attuale betta ancora non ci è andata. dice che lo farà, ma è infastidita dalla nostra insistenza. Mi piacerebbe avere un vostro parere, capisco che una lettera è un pò poco per fare il quadro della nostra situazione. Ma se possibile, vorrei per sommi capi che mi spiegaste qual' è l'atteggiamento giusto da tenere. Vi ringrazio, Laura.

Cara Laura dalla lettera, se è vero quello che c'è scritto, si evince che esistono colleghi che non conoscono bene ciò che è l'omosessualità, ed invece di aiutare coloro che richiedono spiegazioni aumentano il disagio e lo sconforto e per questo non voglio dilungarmi ulteriormente poichè non condivido l'operato della collega. L'omosessualità, la scoperta in famiglia, pur essendo un attimo di sbigottimento poichè i genitori desiderebbero sempre l'eterosessualità per il proseguimento della famiglia crea un attimo d'imbarazzo, ma ciò è da accettare con serenità e senza aggredire e rifiutare il figlio. Credo che debba cambiare psicoterapeuta e se è anche sessuologo ancora meglio cosi potrà spiegarle cio che è l'omosessualità e come dovete comportarvi in famiglia e vedrà che se è un buon terapeuta agirà diversamente da quello descritto.

(risponde il dott. Sergio Puggelli)

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

Disturbo post-traumatico da st…

I principali sintomi associati al Disturbo post-traumatico da stress possono essere raggruppati in tre specie: ...

dipendenza da shopping

La sindrome da acquisto compulsivo è un disturbo del controllo degli impulsi che indica il bisogno incoercebile di fare compere, anche senza necessità, ed è anc...

News Letters