Pubblicità

Omosessualità (115290)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 40 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anonimo PS 32

Sono un uomo di 32 anni fidanzato da 9 anni con una ragazza di 6 anni più piccola di me. Sin dall'adolescenza ho sempre saputo che ero diverso dai miei amici. Io venivo attratto dai ragazzi e non dalle ragazze. Sono cresciuto credendo che fosse una cosa passeggera e che una relazione stabile con una donna, mi avrebbe aiutato a risolvere il problema. All'età di 20 anni, mi innamoro del mio migliore amico. Intere giornate passate con lui, mille fantasie, mille volte ho pensato di confessargli tutto, ma la paura del rifiuto e dei commenti a venire da parte di quelli che mi conoscono mi hanno sempre distolto. Dunque a un certo punto della mia vita (23 anni) una ragazza è interessata a me ed io mi dico sarà un segno del destino, ci devo provare, perchè no!! Inizia la mia prima vera avventura etero. All'inizio bellissimo sono molto coinvolto anche sessualmente. Poi i primi problemi, le prime scappatelle con uomini trovati in parcheggi gay o saune. Ho provato diverse volte a troncare il mio rapporto con la mia ragazza, ma lei è così innamorata e io così vigliacco da confessarle tutto. Così tra alti e bassi passano 7 anni di fidanzamento a distanza (io a Bologna lei a 800km di distanza). Due anni fa lei viene a vivere a Bologna. E' tutto bello anche se io continuo ad avere incontri gay sporadicamente. Ma mai in nessuno di questi incontri rimango coinvolto sentimentalmente. Il mio sembra essere più uno sfogo animale. Arriviamo a 15 giorni fa. Incontro "Dado" in sauna e per lui inizio a sentire delle cose che non avevo mai provato prima. Da 10 giorni mi sento chiuso in una gabbia senza fine. So cosa voglio ma non riesco a farlo. In primis, mi sento un mostro a lasciare la mia ragazza dopo 9 anni e cosa le racconto? Non ho nessuno con cui sfogarmi. Non posso dire ai miei amici di essermi forse per la prima volta innamorato. Ma quello che mi fa più paura, è avere una famiglia come quella in cui sono cresciuto! Mi sembra di impazzire, sono distratto sul lavoro e non so più che fare. Per questo ho scritto per sfogare, anche solo scrivendo, le mie emozioni. Grazie.

Ti senti un mostro a lasciare la tua ragazza dopo 9 anni?! Dovevi farlo alla prima scappatella!! Cosa le racconti?! La verità e sicuramente questa le farà male! Capisco che tu sia stato confuso a lungo e che tu abbia nutrito mille timori, ma non c'è modo per non soffrire di una decisione simile e soprattutto più passa il tempo e più questa diventa dolorosa e difficile da affrontare, comprendere e metabolizzare! Anzitutto devi fare outing, ossia iniziando dalle persone che sai la prenderanno "meno peggio" la tua omosessualità (anche se nutro forti dubbi nei confronti di essa e penso che potresti essere uno dei rari casi di bisessualità) e poi arrivare a dirlo a tutte le persone che hanno un senso nella tua vita. In questo, puoi farti aiutare da uno psicologo, ma ritengo sia necessario tu lo faccia al più presto! Scusa se non appaio intenerita dalla tua sofferenza attuale, ma so per esperienza che questa è solo una piccola parte rispetto a quella che dovrai provare e con te tutte le persone che ti sono vicine, dal momento che avrai finalmente capito cosa vuoi per la tua vita. Ti sei innamorato e forse se questo fosse accaduto prima avresti meglio affrontato una scelta. Cerca di capire una volta per tutte chi se e chi vuoi avere il tuo fianco e termina immediatamente questo tira e molla tra la tua fidanzata storica e Dado...più andranno avanti le bugie e le indecisioni e più sarà difficile per tutti! Non sarà facile, ma alla fine, so per certo che sarà meglio e finalmente ti sentirai libero e pulito di poter fare quello che più ti rende felice!!

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

 

Pubblicato in data 26/03/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come ...

News Letters

0
condivisioni