Pubblicità

Omosessualità (117795)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 34 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Simone 21

Salve, prima di esporre il mio problema vorrei fare un quadro dell'ambiente che mi circonda per farvi capire meglio possibile. Vivo in una famiglia di 4 persone, mio padre, mia madre e mio fratello maggiore. L'ambiente familiare è sereno, con gli alti e bassi della vita quotidiana, non siamo ricchi ma non mi è mai mancato nulla. Attualmente frequento l'università e lavoro part-time in uno studio commerciale. Gli amici non mi sono mai mancati, ma già dalle scuole medie venivo deriso per i miei comportamenti un pò "diversi" (non ho mai giocato a calcio e cose del genere anche perchè non sono un grande sportivo) grazie al mio carattere relativamente forte, queste critiche non mi hanno mai impedito di fare e dire ciò che pensavo. Ora il problema è questo: credo di essere omosessuale. In realtà ne sono certo visto che pur non avendo mai avuto esperienze sessuali provo attrazione fisica per i ragazzi e nulla per le ragazze. E qui nasce il problema , io non voglio esserlo, e non per il timore di non essere accettato per quello che sono, come ho detto ho un carattere forte e combattere per quello che sono non mi spaventa, però io vorrei una vita normale. Se penso ad un futuro vorrei una famiglia, dei figli, invecchiare assieme a qualcuno, come i miei genitori, e tutto questo non posso certo costruirlo con un un altro uomo come me. Non ho confessato ancora a nessuno questa mia situazione, perchè so che non sarebbero in grado di accettarmi , ma non per loro, perchè il primo a non accettarmi sono io e non posso certo pretenderlo dagli altri, sebbene mi vogliano un bene dell'anima. La mia domanda è questa, sebbene sia convinto che questa non è una malattia pensa che potrò mai guarire? Potrò mai essere normale? Grazie!

Caro Simone, sei intimamente convinto e sicuro di non pensare che l’omosessualità non sia una malattia? Non lo so, forse se lo fossi non avresti scritto che vuoi essere “normale”. Cosa vuol dire normale? Tu hai una famiglia, un lavoro, degli amici, provi attrazione per persone del tuo stesso sesso… non vedo cosa ci sia di anormale in tutto ciò. È possibile che la tua visione dell’omosessualità sia in qualche modo inficiata da pregiudizi? Tu dici che vorresti invecchiare con una persona al tuo fianco, ma che non puoi costruire tutto ciò con un uomo. Trovo difficile capire il perché. Forse perché generalmente il mondo omosessuale viene visto come un mondo di infedeltà, storie brevi e superficiali, scarso impegno affettivo. Ma credimi, non è così. Esattamente come succede tra gli eterosessuali, ci sono persone che si innamorano, e decidono di trascorrere la loro vita insieme. Non ci sono grandi differenze, se non nel poter avere dei figli, ma credo che questa sia una questione che attiene alla politica. Pensaci bene, Simone, se non pensi di essere malato, da cosa dovresti guarire?

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

 

Pubblicato in data 13/05/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi.                   ...

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

News Letters

0
condivisioni