Pubblicità

Omosessualità (122701)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 28 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marta 35

Buongiorno, poiché sto vivendo un periodo di grande conflittualità col mio compagno, mi rivolgo a voi per chiedere un parere sincero rispetto al seguente argomento. Forse la mia è una situazione abbastanza comune che, però, mi sta distruggendo la vita perché ho molta indecisione e paura di commettere un errore. Sono la compagna di un uomo di 35 anni che: 1) non è mai stato fidanzato o avuto rapporti sessuali con una donna; 2) non è mai stato fidanzato o avuto rapporti sessuali con un uomo (almeno a suo dire); 3) a 30 anni circa ha conosciuto me con la quale, solo dopo più di un anno e con molta dedizione da parte mia, è riuscito ad avere rapporti sessuali da cui è nato un figlio; 4) durante questa convivenza, non manifestava alcun interesse sessuale verso di me (anche 2 mesi senza rapporti); 5) durante la gravidanza, si masturbava segretamente vedendo film hard gay; 6) durante il periodo della nostra separazione a seguito della mia scoperta di questi episodi, ha continuato a vedere filmini gay ed a praticare autoerotismo; 7) non ha mai fatto outing per timore della famiglia (padre padrone macho e mamma/uomo); 8) ha intrattenuto relazioni omosessuali on line senza mai concretizzate (a suo dire) per timore che l'altro soggetto fosse un collega d'ufficio. Tutto ciò premesso, è credibile quando lui dice che è "rinsavito", vuole solo me e mai più vedrà filmetti con cui si masturberà o cercherà relazioni omosessuali anche solo virtuali? Questo è quanto sostiene lui dopo che mi sono mostrata possibilista rispetto ad un rientro della crisi soprattutto per nostro figlio. Chiedo scusa se mi sono dilungata troppo e Vi ringrazio per la risposta. Marta.

Cara Marta, dato che l'omosessualità non è una malattia, tantomeno una malattia mentale, non è possibile "rinsavire"! L'eccitazione di fronte a film gay potrebbe dipendere semplicemente da un'immedesimazione in certe pratiche, ma il cercare relazioni vere e proprie, anche se mai concretizzate per paura, fa pensare ad un'omosessualità omofobica, ossia che viene rifiutata e vissuta come sbagliata. Può darsi che tuo marito abbia attraversato una fase di confusione sessuale e che, dopo anni di "repressione" a causa di un'educazione troppo rigida, abbia voluto provare entrambi i tipi di rapporti, ma per esperienza ti dico che è molto poco probabile. Penso che se tuo marito fosse gay, data la sua storia personale e familiare, potrebbe tornare con te e privarsi dei film e delle chat gay per stare con te e con vostro figlio e mantenere così sia il suo ruolo paterno che la facciata di uomo eterosessuale. Io credo che, anche se gay, un padre è sempre un padre se vuole e sa occuparsi del proprio figlio, anche se questa società è ancora molto omofobica! Non posso dirti se devi o meno tornare con lui, ma per l'affetto che a quest'uomo ti lega, digli di andare da uno psicologo e di fare una breve terapia per chiarirsi le idee. Io ti consiglio l'indirizzo cognitivo-comportamentale, perchè è mirato e breve e può, realisticamente, aiutarlo a comprendere meglio quali sono le sue preferenze sessuali e come può conciliarle con una vita che preveda anche un figlio.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 23/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Borderline

“una malinconia terribile aveva invaso tutto il mio essere; tutto destava in me sorpresa e mi rendeva inquieto. mi opprimeva la sensazione che tutto era, ai mie...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters

0
condivisioni