Pubblicità

Omosessualità (123403)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 296 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
E. 26

Salve, sono un ragazzo di 26 anni ed ho un problema che mi logora da sempre e che non mi permette di vivere come dovrei. Sono omosessuale ma questo mi nausea. Mi spiego meglio: da sempre, fin da quando ero ragazzino, la mia attenzione sessuale è indirizzata verso le persone del mio stesso sesso ma allo stesso tempo ho sempre rifiutato questa mia condizione e ho sempre lottato per cercare di sopprimerla, invano a dire la verità. Non ho mai avuto rapporti con uomini (nè tantomeno con donne), un paio di volte ho conosciuto dei ragazzi tramite chat ma quando si è trattato di fissare un appuntamento e di conoscerci di persona mi sono dileguato. Il fatto è che nonostante fisicamente sia attratto dagli uomini mi infastidisce l'idea di intraprenderci una relazione, non solo perchè sarebbe una vergogna per la mia famiglia, per i miei amici e per le persone che mi conoscono, ma anche perchè non voglio rinunciare a poter creare una famiglia mia e ad avere dei figli. Ho provato molte volte a cercare di interessarmi alle donne, perchè in fondo è quello che veramente voglio, purtroppo però sempre con scarsi risultati. Quello che Vi chiedo è se esiste una qualche terapia farmacologica o psicologica che mi aiuti a non essere omosessuale, suppongo che possa sembrare ridicolo detto così ma, davvero, mi tormento ormai da troppo tempo. Quello che desidero più di ogni altra cosa è solo essere un ragazzo eterosessuale, desidero provare le sensazioni che tutti i ragazzi della mia età provano quando sono vicino a una ragazza, voglio essere marito e padre, ma in questa mia condizione non posso ambire a nulla di tutto ciò. Spero in un Vostro aiuto o in un Vostro consiglio che mi permetta di sperare di poter vivere una vita da eterosessuale. Grazie per l'aiuto.

Caro E, la tua domanda non è ridicola e per molti anni, troppi purtroppo, alcuni medici hanno sostenuto che fosse possibile "invertire" l'orientamento sessuale; spesso hanno utilizzato le scosse elettriche od altri tipi di stimoli aversivi, ma naturalmente, dopo queste torture le persone sarebbero state disposte a dire di essere anche Marilyn Monroe! Quello che stai sperimentando si chiama omofobia interiorizzata e dipende dagli stimoli che finora hanno bombardato la tua mente e che ti hanno convinto negli anni che essere omosessuale è sbagliato! Quello che posso dirti da persona, oltre che da psicologa è che essere omosessuali è ancora oggi difficile e duro, ma non è di certo sbagliato. Il tuo desiderio di essere eterosessuale deriva dunque da questa paura che non è da biasimare, ma non è questa la strada migliore! Se tu fossi alto 1,85 mt e volessi con la stessa forza essere alto 1,65m sarei costretta a dirti la stessa cosa, ma mi rendo conto che le conseguenze sociali di essere alto sono diverse da quelle di essere gay. Finquando non l'accetterai tu, nessun altro potrà e forse è meno terribile di quel che pensi. Hai fatto bene a scriverci e ti consiglio di cercare uno psicologo in carne ed ossa che ti aiuti a contenere questa rabbia e paura che stai provando adesso e ad incanalarla nel modo più funzionale.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 01/08/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

News Letters

0
condivisioni