Pubblicità

Omosessualità (123403)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 35 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
E. 26

Salve, sono un ragazzo di 26 anni ed ho un problema che mi logora da sempre e che non mi permette di vivere come dovrei. Sono omosessuale ma questo mi nausea. Mi spiego meglio: da sempre, fin da quando ero ragazzino, la mia attenzione sessuale è indirizzata verso le persone del mio stesso sesso ma allo stesso tempo ho sempre rifiutato questa mia condizione e ho sempre lottato per cercare di sopprimerla, invano a dire la verità. Non ho mai avuto rapporti con uomini (nè tantomeno con donne), un paio di volte ho conosciuto dei ragazzi tramite chat ma quando si è trattato di fissare un appuntamento e di conoscerci di persona mi sono dileguato. Il fatto è che nonostante fisicamente sia attratto dagli uomini mi infastidisce l'idea di intraprenderci una relazione, non solo perchè sarebbe una vergogna per la mia famiglia, per i miei amici e per le persone che mi conoscono, ma anche perchè non voglio rinunciare a poter creare una famiglia mia e ad avere dei figli. Ho provato molte volte a cercare di interessarmi alle donne, perchè in fondo è quello che veramente voglio, purtroppo però sempre con scarsi risultati. Quello che Vi chiedo è se esiste una qualche terapia farmacologica o psicologica che mi aiuti a non essere omosessuale, suppongo che possa sembrare ridicolo detto così ma, davvero, mi tormento ormai da troppo tempo. Quello che desidero più di ogni altra cosa è solo essere un ragazzo eterosessuale, desidero provare le sensazioni che tutti i ragazzi della mia età provano quando sono vicino a una ragazza, voglio essere marito e padre, ma in questa mia condizione non posso ambire a nulla di tutto ciò. Spero in un Vostro aiuto o in un Vostro consiglio che mi permetta di sperare di poter vivere una vita da eterosessuale. Grazie per l'aiuto.

Caro E, la tua domanda non è ridicola e per molti anni, troppi purtroppo, alcuni medici hanno sostenuto che fosse possibile "invertire" l'orientamento sessuale; spesso hanno utilizzato le scosse elettriche od altri tipi di stimoli aversivi, ma naturalmente, dopo queste torture le persone sarebbero state disposte a dire di essere anche Marilyn Monroe! Quello che stai sperimentando si chiama omofobia interiorizzata e dipende dagli stimoli che finora hanno bombardato la tua mente e che ti hanno convinto negli anni che essere omosessuale è sbagliato! Quello che posso dirti da persona, oltre che da psicologa è che essere omosessuali è ancora oggi difficile e duro, ma non è di certo sbagliato. Il tuo desiderio di essere eterosessuale deriva dunque da questa paura che non è da biasimare, ma non è questa la strada migliore! Se tu fossi alto 1,85 mt e volessi con la stessa forza essere alto 1,65m sarei costretta a dirti la stessa cosa, ma mi rendo conto che le conseguenze sociali di essere alto sono diverse da quelle di essere gay. Finquando non l'accetterai tu, nessun altro potrà e forse è meno terribile di quel che pensi. Hai fatto bene a scriverci e ti consiglio di cercare uno psicologo in carne ed ossa che ti aiuti a contenere questa rabbia e paura che stai provando adesso e ad incanalarla nel modo più funzionale.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 01/08/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

News Letters

0
condivisioni