Pubblicità

Omosessualità (142200)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 31 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gianluca 19

Salve, è da un pò che ho preso coraggio (più di un anno), ed ho deciso di affrontarmi e dichiarare a me stesso apertamente la mia sessualità! Ancora una volta, però dopo tanti episodi, faccio fatica ad accettarla, illudendo così persone estrane, e illudendo sopratutto me stesso!I miei non sanno nulla di me, ma molti miei amici si, e devo dire che non è cambiato nulla, poichè sono dei veri amici, e continuano a volermi bene. Ma io credo che l'unico modo per vivere serenamente la mia vita e sopratutto la mia sessualità, e parlarne con i miei, chiarire questa situazione,e fargli capire come sono realmente le cose.Lei che ne pensa? Mi scusi, per essermi dileguato troppo. Ma sto scrivendo in un momento di rabbia!

Caro Gianluca, la tua storia è simile a molti che vivono le stesse tue problematiche sull'orientamento sessuale.Credo che prima ne parli in famiglia è meglio è al fine che non debbono scoprirlo attraverso altre fonti, credo che essi possino capire anche se inizialmente con qualche distinguo. Non temere di essere emarginato poichè la società anche se in ritardo stà cambiando e prima o poi anche in Italia l'omosessualità non è più ostaggio dell'omofobia,Comunque se vuoi puoi fare un percorso pèsicoterapico con uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico che può aiutarti nel rafforzare la tua autostima. Auguri

(Risponde il Dott. Pugelli Sergio)

Pubblicato in data 03/02/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

La Dislessia

I DSA sono disturbi del neurosviluppo che riguardano la capacità di leggere, scrivere e calcolare in modo corretto e fluente che si manifestano con l'inizio del...

News Letters

0
condivisioni