Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Omosessualità (153570)

on . Postato in Sessualità | Letto 11 volte


Silvia, 22

Dear Psiconline,
mi chiamo Silvia e la mia infanzia è stata molto come il film "Tomboy" di Céline Sciamma. Vestita da maschio, sempre giocato a fare il maschio. Poi la separazione dei miei, delle vacanze in Tunisia con delle molestie sessuali, un pessimo rapporto coi miei, anoressia, attacchi di panico, autolesionismo, attaccamento morboso all'alcool e poi lei. Ho avuto sempre esperienze disastrose con gli uomini, non mi attraevano e non riuscivo a farci sesso, e con lei invece sì ed è stata la prima di molte storie omosessuali, intervallate da alcuni tentativi con gli uomini che, diciamo, sessualmente non andavano male, ma non mi completavano e non ci stavo bene. Però, dopo la mia ultima relazione fallita con una ragazza a cui ho tenuto moltissimo, e dopo una mia fase molto maschile e quasi propensa ad un'operazione, mi sono avvicinata moltissimo ad un caro amico (piccolo di statura e magro di corporatura, molto femmineo nei modi), con cui è nata una relazione travagliata di pochi mesi, finita un po' male, ma che mi sembrava mi avesse sdoganato nei confronti degli uomini. Ero convinta di riuscirmi a innamorare davvero della persona, al di fuori del sesso. L'attrazione con gli uomini non è mai immediata per me, arriva dopo un po' che mi lego o dopo qualche bicchiere di troppo insomma. E spesso mi costringo ad essere una persona che non sono. Eppure, dopo questo ragazzo ne è arrivato un altro, per solo un mese, molto bello e molto più uomo tra l'altro, che però, mi ricorderò sempre, la mia prima impressione su di lui è stata "Oh che bel tipo, come vorrei essere così, lo presenterò alla mia coinquilina". Insomma, c'è confusione. E penso di aver bisogno di un'identità, e che l'identità di bisessuale non mi calza troppo perchè se sento continue mancanze a livello di un mio ruolo nella coppia (io non sono maschile eh, sono un po' un maschiaccio ma sempre molto curata e truccata), però, se alla fine con gli uomini mi capita di finirci a letto e con alcuni di starci anche bene a fare l'amore, cambia qualcosa?
Mi manca l'upgrade da scaricare o devo semplicemente evitare di starci perchè so che non va?
Grazie mille,
Silvia.



Cara Silvia,
la storia raccontata nasconde delle problematiche di orientamento sessuale che non comportano disturbi psicotici ma nevrotici se non si attua la vera e sentita sessualità.
Prima di prendere qualsiasi decisione e per avere una più chiara e trasparente identità ti consiglio di consultare uno psicoterapeuta psicodinamico che ti aiuta in un percorso psicoterapeutico a trovare la tua vera identità e solo allora potrai prendere tutte le decisioni esistenziali che ritieni giusto.
Auguri

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 11/06/2012

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

News Letters