Pubblicità

omosessualità (48905)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 61 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Luca, 41anni (23.2.2002)

Gentile Dott. ,da poco tempo mia moglie, mia coetanea, mi ha rivelato di sentirsi lesbica. Ha aggiunto di non avere mai avuto rapporti e di essere cosciente di questa situazione da alcuni anni.Come posso aiutarla? E' giusto che io le consenta una relazione con una donna pur mantenendo in vita il ns matrimonio e continuare a vivere insieme? Aggiungo che abbiamo un figlio di 12 anni a cui non vorremmo arrecare il danno di una separazione.
Grazie

Credo che dobbiate "rinegoziare" i termini del vostro matrimonio. Se optate per una convivenza di tipo amicale che non faccia soffrire nessuno dei due, ognuno di voi può avere le sue storie ma questa soluzione deve essere liberamente accettata per non essere solo una "facciata" per salvare le apparenze. Altrimenti consiglerei una separazione che dia modo soprattutto a sua moglie di capire meglio se stessa e la propria identità. Quanto al ragazzo, potete trovare insieme le parole per dirgli che la storia di coppia è finita, (senza fare accenno al tema dell'omosessualità che all'inizio potrebbe essere per lui troppo diffcile da accettare) rassicurandolo al contempo che comunque il vostro affetto di genitori resta immutato.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Religione e psicologia (154766…

Luca, 28     Buona sera, premetto che il mio quesito non riguarda strettamente un malessere mentale, ma comunque un interrogativo esistenziale ch...

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

News Letters

0
condivisioni