Pubblicità

Omosessualità? (74664)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 62 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Dido, 18 anni

ciao sono un ragazzo di 18 anni, sto vivendo un periodo della mia vita molto brutto...mi masturbo pensando ai maschi, ma ho sofferto per un'anno per amore, in quanto ero innamorato di una mia amica...
ora finalmente sono riusciuto ad ottenerla e sto bene con lei...quando ci baciamo in me avviene anche l'erezione...e penso ke tra poco dovremmo anche fare sesso...
e io di questo ho paura...pensando sempre a maschi ho paura di nn farcela...sono andato anche da una prostituta e infatti nn ce l'ho fatta...ma con la mia ragazza penso che sia diverso, ci sto benissimo...
poke sere fa stavamo sul mio letto a casa mia stavamo per farlo, io mi sentivo pronto ero anche in erezione, poi purtroppo è arrivato mio padre e siamo dovuti andare via...ma comunque ho paura ke la prox volta potrei nn farcela...
io voglio trascorrere la mia vita affianco ad una donna, voglio avere figli...nn voglio essere omosessuale...adesso ho anche paura di deludere la mia ragazza a cui voglio molto bene...
lei dottore è la prima persona con cui parlo di questo problema...ah dimenticavo ho avuto anke un'esperienza omosessuale...

Caro Dido, l'insicurezza che ti affligge, deve esserte uno stimolo e non una fonte di ansia. Prendi, infatti, questo conflitto nella giusta dimensione e cerca con calma di venirne a capo.
Questa indefinizione nella scelta sessuale deve essere chiarita e non è certo con paure eccessive che si risolve il problema. E' chiaro che c'è un'ansia da prestazione e una sorta di timore, che sfiora il complesso d'inferiorità. Ciò di solito accade, quando c'è un'incertezza deri modelli genitoriali di riferimento nei processi di crescita personale, che hanno creato "vuoti" di identificazione. o in presenza di eventi traumatici deformanti.
La relazione sessuale ansiogena è in questo contesto un sintomo di un malessere più profondo che va affrontato ed elaborato adeguatamente in un iter di ricostruzione di sè, magari con il supporto contenitivo di una psicoterapia.

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Il Problem Solving

Il termine inglese problem solving indica il processo cognitivo messo in atto per analizzare la situazione problemica ed escogitare una soluzione. E’ un'attivit...

News Letters

0
condivisioni