Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Omosessualità e transessualità (154035 )

on . Postato in Sessualità | Letto 14 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gi, 16

 

Gentile Dottore,
sono una ragazza di 16 anni e ormai ho capito da più di un anno che sono attratta dalle altre ragazze.
Quando l'ho capito già stavo con un ragazzo e ora, circa un anno e mezzo dopo stiamo ancora insieme. L'unico problema è che con il passare del tempo sembra che i ragazzi mi piacciano sempre meno invece le ragazze mi piacciano sempre di più.
Ormai l'unico ragazzo che mi attrae e con cui posso pensare di stare è il mio fidanzato. Ultimamente però, oltre al mio ragazzo, mi piace un'altra ragazza.
C'è stato un periodo in cui io e il mio ragazzo ci eravamo lasciati dopo una bruttissima litigata circa un mese fa e io ero uscita con quella che mi piace e ci eravamo baciate. Poi lei si era messa con un'altra e io mi sono rimessa con il mio ragazzo. Come posso fare visto che mi piacciono tutti e due? A lui piaccio e lei vuole essere mia amica...
Altro problema: quando ero piccola i miei mi hanno educato in maniera non particolarmente femminile e ho sempre vissuto come una bambina e poi una ragazza un po' mascolina.
Il mio corpo non mi piace, ma non per i soliti motivi, semmai per il fatto che guardandomi allo specchio non mi ci vedo dentro al mio corpo. Per lo stesso motivo mi da fastidio stare nuda per troppo tempo e anche fare l'amore mi da fastidio perché certe volte spogliarmi mi mette proprio in imbarazzo.
Mi trovo molto meglio con i miei amici maschi, ho delle maniere non molto femminili ed è difficile che io mi vesta con vestiti o gonne. Anche viste tutte queste cose io non mi sento un maschio, ma neanche una femmina. Cosa sono?
Vi prego, aiuto.

Cara Gi,
Dal racconto si evince che in te esiste una forte confusione su ciò che può essere il tuo orientamento sessuale.
Si possono intravedere varie sfumature sia di omosessualità che bisessualità non certo di transessualità, questo lo percepisco da come parli del tuo corpo, uno che crede di essere un transessuale cura molto il corpo verso l'orientamento a cui si rivede.
Quindi per mettere un pò di chiarezza nella tua psiche ti consiglio di consultare uno psicoterapeuta psicodinamico che con la terapia appropriata può aiutarti a risolvere i tuoi dubbi.
Auguri

 

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 09/07/2012

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Chiarimenti alla risposta del …

ALEXA1,52     Sono Alexa nel ringraziarla per la sua risposta dottore vorrei se fosse possibile chiarimenti poichè se fosse solo amicizia la nost...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Belonefobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Intelligenze Multiple

“Scrivendo questo libro, mi proposi di minare la nozione comune di intelligenza come capacità o potenziale generale che ogni essere umano possiederebbe in misur...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

News Letters