Pubblicità

Omosessualità inconscia e drammi interiori (005955)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 31 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Roberto, 30 anni

Buongiorno, vi prego, vi scongiuro di rispondere, poichè questa situazione è molto grave. Sei mesi fa mi sono messo insieme ad una ragazza, l'inizio è stato molto duro, poichè lei non voleva niente, voleva stare sola ma le interessavo anche, ho capito che non era serena, c'era qualcosa...mi rivelò quindi che tre anni fa era stata male fino all'ospedale con tutto ciò che ne deriva, depressione, ecc poichè si era innamorata di una ragazza ed era stata respinta. Iniziò com un amicizia e dopo qualche mese si rese conto che le batteva il cuore e di li capì che c'era qualcosa in lei. Si innamorò perdutamente ma tra loro ci fu solo un bacio. Poi mi disse che era passato che comunque pensare di fare l'amore con una ragazza le faceva schifo, anche perchè ha avuto ragazzi che l'attraevano, ed anche da me era attratta, affascinata, sessualmente soddisfatta in pieno. La nostra storia dura 5 mesi, stupendi fino alla scorsa settimana quando lei mi dice che non può continuare perchè per me non sente ciò che sentiva per lei.
Ho visto che è ricaduta in depressione. Non so se è questa sua condizione che ce la fa cadere o è la conseguenza di una depressione che la fa pensare a lei. Si, lei ancora ci pensa e dice che quell'amore non consumato le ha lasciato tantissimo..poi dice che se lei fosse li proverebbe a vedere se effettivamente ne è innamorata o se è solo lo sfizio di qualcosa che non è riuscita a togliersi. Francamente se 5 mesi stupendi con me non sono riusciti a non farcela pensare..lei mi ha detto non mi è indifferente...e mi ha detto che per me si è spento tutto improvvisamente, eppure mi pensava, mi cercava, mi voleva, era felice e serena con me...poi in una settimana è crollato tutto. Come è possibile? E' la depressione che non le fa vedere che mi ama e le tira fuori fantasmi del passato..oppure si era illusa? Lei la voleva questa storia con tutta se stessa forse per dimostrare a se stessa che era "guarita" ma non ha funzionato..le ho detto di farsi aiutare ma mi ha allontanato e non ne vuole sapere..
Lei dice anche che non è solo l'episodio di tre anni fa e piange e non sa cosa sia, ma ha due genitori fantastici, è bellissima e si sta per laureare in quello che le piace...è possibile che non accetti il fatto di amare una donna? anche se continua a ripetermi che lei è attratta da uomini da me..ma non sente quello che sentiva per lei..io le ho anche spiegato che l'amore è più profondo del batticuore ma non è servito. O forse non sono io quello giusto ma come si è aperta con me non lo ha fatto con nessuno era la persona più felice della terra solo due settimane fa. Ed ora sta male è in depressione ed io non posso aiutarla. Vi prego ditemi se posso insistere nella nostra storia così da starle vicino e aiutarla o lasciare tutto...vi prego sto male anche io per lei..

Caro Roberto tu puoi offrirle solo la tua amicizia disinteressata. In questo caso sarebbe importante, per lei, prendere la decisione di farsi aiutare da un esperto dei disturbi dell'umore e da uno psico-sessuologo per l'orientamento sessuale. Auguri.

( risponde la dott.ssa Maria Assunta Consalvi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Sindrome di Wanderlust

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti Le persone che hanno una voglia perenne di partire, ch...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

News Letters

0
condivisioni