Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Omosessualità intesa come malattia (119075)

on . Postato in Sessualità | Letto 6 volte

Mario 23

Sono un ragazzo omosessuale che ha bisogno di una spiegazione: vivo con molta serenità la mia vita e non ho mai avuto nessun tipo di problema per via della mia diversità, ma oggi ho scoperto ( probabilmente in ritardo) che esiste una ristretta cerchia di individui che sostiene di poter "curare" l'omosessualità, considerando questa come malattia mentale. Ho letto articoli sconcertanti dove il gay viene paragonato al pedofilo per via della diversità nel gusto sessuale, oppure paragonato al tossico dipendente o all'alcolista perché desidera rimanere nella condizione di gay. So bene che da circa 30 anni l'omosessualità non rientra più nelle malattie mentali e nel DSM, ma non avete idea di quanto faccia male oggi nel 2008 trovare persone che abbiano una concezione tanto bigotta e cattiva della condizione innata dell'omosessualità. Quindi chiedo all'esperto, cosa ne pensa? Sono io che faccio un polverone per nulla perché sono di parte o sono realmente abomini?

Caro Mario l'omofobia nel nostro amato paese è una realtà in special modo tra quelle persone che si professano cattoliche e pronte ad accettare tutto come il nostro signore ci ha insegnato, ma purtroppo ciò non avviene e spesso si legge sui quotidiani anatemi che criminalizzano e ghettizzano coloro che non condividono le loro stesse idee. L'omosessualità non è una malattia e i colleghi che affermano di curarla sono in cattiva fede e diffida di loro, piuttosto se vuoi avere maggior serenità ed equilibrio psichico puoi rivolgerti ad uno psicoterapeuta per ulteriormente affrontare e rafforzare il tuo pensiero che credo sia naturale  e non diverso. Il polverone non è necessario sollevarlo, anzi vai a testa alta e non temere i giudizi altrui, essi non sanno quel che fanno. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 31/05/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

News Letters