Pubblicità

Omosessualità nascosta (018762)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 41 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Pietro, 32 anni

Salve, mi chiamo Pietro, e vorrei sottoporre alla vostra attenzione un caso che mi sta uccidendo dentro da un paio di mesi. Ho 32 anni e sono stato ben 10 anni (5 da fidanzato e 5 da sposato) con una ragazza fantastica. Poi per mia immaturità e per una serie di cosidette coincidenze ci siamo lasciati. Fin qui solo dolore e rammarico per la perdita della persona amata (che ancora persiste in me). La cosa che però mi rimane dentro più forte che mai è che la mia exmoglie mi ha dichiarato di essere lesbica, e di essersene accorta dopo un anno che aveva iniziato a frequentare amicizie omosessuali.
Dalle sue parole deduco che tale malessere aleggiave in lei da tempo e che faceva di tutto per non farlo venire a galla, mentre da quello che potevo vedere io, a lei fare l'amore con me non dispiaceva, anche se lo facevamo di rado. Ora mi domando, ma è possibile che questo accada?, e sopratutto il suo essere omosessuale, potrebbe essere dato dal trauma della separazione visto che lei è una persona molto sensibile?
Sono ormai 3 mesi che non stiamo più insieme, e lei e decisamente decisa nel continuare questa sua omosessualità. Dice di aver avuto una esperienza in questo lasso di tempo e che gli è piaciuto, ma a me sembra molto strano, visto che lei raggiungeva anche 2 orgasmi durante i nostri rapporti.
E' possibile accogersi in età di trentanni della propria omosessualità? non è in età adolescenziale che pervengono certi disagi? Io so solo che sono in una situazione molto grave, psicologicamente parlando perchè in primis mi manca da morire, inoltre non riesco a togliermi dalla testa il fatto che se avessi fatto un figlio quando me lo aveva chiesto forse tutto non avrebbe avuto questa fine. Come ho fatto a non accorgermi di nulla? Esistono casi nei quali può delinearsi una confusione sessuale? Come facilmente deducibile da questa mia richiesta mi trovo in avanzato stato confusionale ed avrei bisogno di chiarimenti a proposito.

Caro Pietro quello che è successo, anche se per te è difficile da accettare, è un evento che può accadere. Spesso, per condizionamenti morali e sociali, le persone si negano l'opportunità di far emergere la loro vera identità sessuale fin quando non sopraggiungono eventi o pulsioni ingestibili a modificare questo apparente equilibrio.
Per tua moglie la causa scatenante per la messa in discussione del suo orientamento sessuale può essere stata la separazione. L'ipotesi che posso avanzare è che il comportamento omosessuale messo in atto possa rappresentare una fuga dal maschile, a seguito di profonda delusione, nella disperata ricerca di trovare altrove amore e tenerezza. Auguri

( risponde la dott.ssa Consalvi Assunta )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

Cyberbullismo

Il termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, c...

News Letters

0
condivisioni