Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Omosessualità nascosta (018762)

on . Postato in Sessualità | Letto 10 volte

Pietro, 32 anni

Salve, mi chiamo Pietro, e vorrei sottoporre alla vostra attenzione un caso che mi sta uccidendo dentro da un paio di mesi. Ho 32 anni e sono stato ben 10 anni (5 da fidanzato e 5 da sposato) con una ragazza fantastica. Poi per mia immaturità e per una serie di cosidette coincidenze ci siamo lasciati. Fin qui solo dolore e rammarico per la perdita della persona amata (che ancora persiste in me). La cosa che però mi rimane dentro più forte che mai è che la mia exmoglie mi ha dichiarato di essere lesbica, e di essersene accorta dopo un anno che aveva iniziato a frequentare amicizie omosessuali.
Dalle sue parole deduco che tale malessere aleggiave in lei da tempo e che faceva di tutto per non farlo venire a galla, mentre da quello che potevo vedere io, a lei fare l'amore con me non dispiaceva, anche se lo facevamo di rado. Ora mi domando, ma è possibile che questo accada?, e sopratutto il suo essere omosessuale, potrebbe essere dato dal trauma della separazione visto che lei è una persona molto sensibile?
Sono ormai 3 mesi che non stiamo più insieme, e lei e decisamente decisa nel continuare questa sua omosessualità. Dice di aver avuto una esperienza in questo lasso di tempo e che gli è piaciuto, ma a me sembra molto strano, visto che lei raggiungeva anche 2 orgasmi durante i nostri rapporti.
E' possibile accogersi in età di trentanni della propria omosessualità? non è in età adolescenziale che pervengono certi disagi? Io so solo che sono in una situazione molto grave, psicologicamente parlando perchè in primis mi manca da morire, inoltre non riesco a togliermi dalla testa il fatto che se avessi fatto un figlio quando me lo aveva chiesto forse tutto non avrebbe avuto questa fine. Come ho fatto a non accorgermi di nulla? Esistono casi nei quali può delinearsi una confusione sessuale? Come facilmente deducibile da questa mia richiesta mi trovo in avanzato stato confusionale ed avrei bisogno di chiarimenti a proposito.

Caro Pietro quello che è successo, anche se per te è difficile da accettare, è un evento che può accadere. Spesso, per condizionamenti morali e sociali, le persone si negano l'opportunità di far emergere la loro vera identità sessuale fin quando non sopraggiungono eventi o pulsioni ingestibili a modificare questo apparente equilibrio.
Per tua moglie la causa scatenante per la messa in discussione del suo orientamento sessuale può essere stata la separazione. L'ipotesi che posso avanzare è che il comportamento omosessuale messo in atto possa rappresentare una fuga dal maschile, a seguito di profonda delusione, nella disperata ricerca di trovare altrove amore e tenerezza. Auguri

( risponde la dott.ssa Consalvi Assunta )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

News Letters