Pubblicità

omosessualità ed handicap (42465)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 137 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Paolo, 35anni (28.8.2001)

Ciao, è bello trovare un sito di psicologia interattivo, vorrei esporvi un problema che mi è molto a coure: molti amici mi dicono che la mia omosessualità è dovuta al mio handicap fisico...ho un handicap agli arti inferiori che però non hanno impedito la mia indipendenza la mia voglia di vivere di autostima. Considero il mio corpo bello, particolare, unico. ma non c'è solo quello. Ciò che considero ancora più bello è il mio mondo interiore.Esserci, con i propri pregi e difetti è meraviglioso, perchè ogni giorno si scoprono cose nuove nuovi modi di pensare di emozionarsi di interagire.Molti miei amici, ed anche esperti, mi dicono che la mia omosessualità è strettamente legata alla non accettazione del mio Handicap. Ho pensato molto a questo, ma non ne sono convinto fino in fondo.
Quando guardo un ragazzo non sono attratto solo dal suo aspetto fisico ma anche dal suo sguardo, dal suo modo di parlare, dalla sua sincerità, ma la cosa che mi colpisce di più è il suo odore, sì insomma il profumo della sua pelle. Al contrario non sopporto il profumo della pelle femminile, non mi attrae il suo corpo, anche se spesso mi piace stare con le ragazze per la loro dolcezza ma anche forza d'animo. Vorrei da voi un parere e dei cosigli su pubblicazioni e altro materiale che tratti l' argomento.
Ciao a presto, e grazie di tutto.

Sei assolutamente nel giusto quando non vedi alcuna connessione fra il tuo handicap e l'omosessualità nonostante quello che i tuoi amici e "esperti" ( ma di cosa?) possano averti detto.Non conosco pubblicazioni su omosessualità e handicap. Posso solo suggerirti un bel libro sull'omosessualità maschile di Peter Schellenbaum "Tra uomini; la dinamica omosessuale nella psiche maschile", Red edizioni

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Efficacia farmaci per depressi…

Giovanni, 32     Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Z...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni