Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Orientamento sessuale confuso (127909)

on . Postato in Sessualità | Letto 9 volte

Claudio 19

Salve, vi scrivo perchè ho un problema che mi turba da diverso tempo. Provo una forte attrazione sessuale verso gli uomini maturi (sia omosessuali che etero intorno ai 50 anni o anche più) specialmente se ben curati, con la barba e robusti. Non ho mai avuto alcuna esperienza diretta di questo tipo e sinceramente non so se vorrò mai averne però il solo pensiero mi eccita moltissimo. Oltretutto allo stesso tempo amo un ragazzo della mia età, il quale però non penso sia omosessuale (non ha mai avuto esperienze di alcun tipo, è un ragazzo molto chiuso) anche se alcune volte mi sembra di aver colto qualche messaggio, ma probabilmente sarà stata solo una mia impressione. Questo ragazzo lo amo veramente, non riesco a starne senza, lo penso spesso anche nelle mie fantasie erotiche ma non ho assolutamente intenzione di dichiararmi perchè abbiamo una bellissima amicizia e non voglio rovinarla. Al contempo non credo nemmeno di essere omosessuale in quanto ho avuto per circa 7 mesi una storia con una ragazza fantastica e, anche se ci siamo lasciati da 3 mesi, ancora la penso spesso e probabilmente mi piacerebbe tornare con lei ma non so se farlo perchè esattamente non so cosa preferisco: uomini (maturi..o quel ragazzo) o ragazze. Anche la ragazza mi attrae molto e stare con lei mi rende felice. Non riesco a decidere: chi amare? E cosa significa la mia forte attrazione verso gli uomini maturi? Forse voglio che la mia attrazione per quel ragazzo (che tra l'altro è l'unico ragazzo della mia età che mi piace, per il resto solo uomini adulti) rimanga solo attrazione e niente di più, per amore di una vita tranquilla e per una realismo che mi suggerisce che quasi sicuramente il ragazzo in questione non è omosessuale. Non so cosa fare e cosa pensare, tutto ciò mi provoca una stato confusionale che non è affatto piacevole. Cosa mi consigliate? Aspetto vostre risposte.

Caro Claudio, partendo dal racconto si evince la grande confusione che è in te e quindi la difficoltà a percepire quali sono le vere identità o orientamento sessuale. L'omosessualità è latente in tutti noi, quindi qualche fantasia che rimane tale, la maggioranza dei maschi la elabora. Non preoccuperei su quale è il mio orientamento sessuale, ma sul come io percepisco la mia identità confusionale e per questo consiglio di consultare, per intraprendere una psicoterapia, uno specialista per mettere chiarezza nella tua mente e per dare un taglio preciso a quelle che sono le tue attrazioni definendoti etero o omosessuale. Auguri

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 06/11/08 Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, form...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

News Letters