Pubblicità

Padre o amore? (106902)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 23 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alberto 26

Ciao, sono un ragazzo di 26 anni e lavoro come operaio. Durante la mia adolescenza ho subito abusi sessuali da un ragazzo più grande. Ho tendenze omossessuali, ma sono in conflitto con me stesso, perchè non mi accetto. Tutto questo mi fa soffrire molto perchè una parte di me vorrebbe avere una ragazza, sposarsi ed avere figli (il mio sogno irragiungibile?). Ho avuto un rapporto freddo con mio padre, a volte anche di odio verso di lui. Talvolta mi sento inadeguato con le persone che mi stanno intorno e ho complessi di inferiorità, anche se le persone amiche dicono che sono simpatico e buono. Da un paio di mesi sto male in quanto ho conosciuto una persona adulta a cui mi sono attaccato troppo, gli voglio molto bene ma credo che non sia un'attrazione sessuale, anche se mi piacciono le persone adulte. Quando sto con lui sono al settimo cielo e sto bene con me stesso, quando non lo vedo sono triste e non faccio altro che pensare a lui. E' una persona dolcissima e umile. Vorrei non essere così attaccato a lui, perchè tutto questo blocca la mia vita quotidiana, ma non ce la faccio, gli voglio troppo bene. Mi era già capitato con un'altra persona tutto questo e ancora oggi soffro.

Caro Alberto, l'abuso sessuale subito durante l'adolescenza può aver influito sul tuo orientamento sessuale, ma in questo cambiamento non si può escludere l’influenza del cattivo rapporto con la figura paterna. Dalla tua lettera emergono disagi di vario tipo, molto probabilmente, tutti riconducibili alla mancanza di figure di riferimento valide nell'infanzia. La mancanza di autostima che manifesti nel sentirti a disagio con gli altri percependoti inferiore, la difficoltà nell'accettare la tua omosessualità, se di questo stiamo parlando, e il non saper riconoscere la natura delle tue emozioni rafforzano in me l’ipotesi che da bambino non sei stato sufficientemente supportato ed incoraggiato nel conquistare la tua indipendenza psicologica. Partendo da questa premessa l'idea di omosessualità potrebbe essere infondata o quantomeno andrebbe verificata, se le tue convinzioni nascono dall’essere stato abusato puoi tranquillizzarti in quanto non tutte le persone che subiscono questo tipo di esperienza riportano come conseguenza il cambiamento di orientamento sessuale. Un'altra possibilità è che tu sia bisessuale. Il bisessuale è colui che può avere relazioni amorose con individui di entrambi i sessi, questo spiegherebbe il tuo interesse per le ragazze. Il forte attaccamento che sviluppi verso le figure maschili adulte potrebbe spiegarsi con il bisogno inconscio di colmare il vuoto provocato dalla mancanza di un sano rapporto con la figura paterna. Per avere risposte che ti aiutino a capire con chiarezza le tue preferenze sessuali e favorirne l'accettazione, qualora le tue paure fossero confermate, ti sarebbe prezioso il supporto di uno psico-sessuologo. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Maria Assunta Consalvi)

Pubblicato in data 08/10/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

News Letters

0
condivisioni