Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Parafilie Sessuali - Feticismo e masochismo (158353)

on . Postato in Sessualità | Letto 10 volte


Marco , 22

 

Gentile Dottore,
Ho 22 anni e sono uno studente universitario con famiglia benestante che non ha fatto mai mancare nulla.
Da quando ho 4/5 anni, dai tempi dei primi ricordi insomma, fantastico di essere sottomesso da una donna...(a quei tempi una compagnetta d'asilo qualsiasi)
Sono un feticista dei piedi e mi piacciono soprattutto se sono sporchi perché rendono poi più umiliante per me ripulirli con la lingua...
Il 99% delle volte che mi masturbo penso a situazioni di sottomissione e umiliazione, di contro non mi piace molto la parte fisica del sadomaso (frustate o altre torture dolorose).
Riesco ancora ad eccitarmi per un bel sedere come i miei coetanei ma il mio impulso sessuale primario dice alla mia testa: "come sarebbe bello essere lo schiavetto di quella bellissima ragazza". Il problema è che ci penso continuamente... E questo non mi aiuta nello studio e neanche nelle relazioni sociali perché non riesco a smettere di fare ricerche su internet, documentarmi e fantasticare una vita da sottomesso. Sono comunque riuscito a condurre una vita che all'esterno non fa trasparire nulla delle mie perversioni. Ho raccontato queste mie particolari passioni solo a poche amiche fidate (5 in totale) dietro promessa di non dirlo a nessuno Onestamente, quali potrebbero essere le causa per cui un bambino di 4/5 anni si ritrova già ad avere queste fantasie? Adesso credo che io non troverò mai una fidanzata "adatta alle mie particolari pulsioni" e che sarò costretto o a impossibili tentativi di reprimere queste voglie o a rimanere single per sempre...
Secondo voi ho bisogno di fare una terapia per conviverci meglio?

Caro Marco,
il disturbo presentato si chiama parzialismo e fa parte delle parafilie non altrimenti specificate quindi non di feticismo.
Detto ciò credo che un intervento psicoterapeutico sia indispensabile per riequilibrare i pensieri esposti e per questo consiglio una terapia psicodinamica che può aiutarti a rimuovere pensieri nascosti.
La terapia aiuterà senz'altro a superare e vivere con più serenità.
Auguri

 

(Risponde il Dott.Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 04/04/2013

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

News Letters