Pubblicità

Paura... (113838)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 38 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Luca 18

Buongiorno, mi chiamo Luca, ho 18 anni e frequento la scuola media superiore. Il problema, in realtà, non è solo uno: tutto è cominciato 5 o 6 anni fa, dopo la perdita di mia nonna che per me era una madre. Da quel momento sono caduto in depressione, non sopporto più nulla, più nessuno ed ho pensato ininterrottamente a togliermi la vita; ma oggi posso ringraziare solo la razionalità che mi ha portato fin qui. Non ho mai avuto un/a amico/a fidato/a cui poter raccontare ogni cosa, anche perché, ammettiamolo, la gente si stufa a sentire uno lamentarsi dei suoi problemi ininterrottamente. Comunque il problema principale è che ho paura, ho paura di raccontare ai miei genitori della mia bisessulità, ho paura di raccontare che sono depresso, ho paura di non sapere più amare a causa delle sofferenze passate, ho paura di non provare più alcuna emozione, di isolarmi dal mondo... ma mi sto accorgendo che non posso continuare ad andare avanti da solo ed ho paura di non trovare nessuno che mi possa aiutare, ho paura di continuare a soffrire. Non so come poter liberarmi di tutte queste paure, di come poter dire della mia bisessualità ai miei genitori senza magari deluderli, anche perché da un paio di anni non sopporto più neanche loro. Rileggendo cosa ho appena scritto, mi rendo conto che sia impossibile trovare una risposta ai miei problemi, poiché sono troppi, ma confido nel vostro aiuto ugualmente anche se so di non essere stato molto chiaro... ma non sapevo a chi rivolgermi... Grazie ancora.

Caro Luca, l'anaffettività e l'insofferenza verso le persone e le situazioni sono una conseguenza naturale dell'abbassamento del tono dell'umore, la prima cosa da fare è rivolgersi ad un professionista per farti aiutare a superare la depressione, il resto lo affronterai dopo. Le giuste indicazioni te le darà, man mano che procede la terapia, chi avrà il compito di seguirti in questo percorso, vedrai che una volta iniziato il lavoro ti risulterà naturale affidare le paure e i dubbi che ti fanno stare tanto male a chi si sta prendendo cura di te. Per la scelta del professionista se non hai disponibilità economiche, la spesa può essere di una certa entità, puoi rivolgerti ai distretti di salute mentale della A.S.L. della zona di appartenenza. Ti suggerisco di non affrontare la situazione da solo, ma d'informare i tuoi genitori del tuo malessere psicologico, senza per ora entrare nei particolari, in questo modo potranno starti vicino, offrendoti il loro sostegno che in questo momento potrebbe dimostrarsi prezioso. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Maria Assunta Consalvi)

Pubblicato in data 16/02/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

Dismorfismo corporeo

L’interesse sociale nei confronti del Disturbo di Dismorfismo Corporeo (BDD) è cresciuto solo recentemente nonostante sia stato documentato per la prima volta n...

News Letters

0
condivisioni