Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Paura d'amare (116310)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 22 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Rossella 31

Buonasera, sono a casa a piangere la mia triste situazione. Ho trent'un anni e non ho mai avuto una storia, posso dire di essermi innamorata e comunque di suscitare interesse nei confronti dell'altro sesso, ma non riesco proprio ad avere un approccio fisico. Mi blocco, è sempre stato così, una carezza un abbraccio o uno sfioramento di labbra mi paralizzano e di conseguenza fuggo. Zero fidanzati, zero uomini nella mia vita riesco ad avere un approccio fisico solo con mia madre, neanche con mio padre e per me un abbraccio è un sacrificio immane. Ad un certo punto della mia vita scopro internet e la chat. Comincio a conoscere virtualmente un sacco di persone, le tengo comunque a distanza nessuno mi ha mai visto ho avuto il mio numero di cellulare, mi piace parlare trovo che così sia tutto più semplice, non mi trovo coinvolta in nulla e posso dire ciò che penso. Fino a quando proprio in chat conosco un ragazzo davvero speciale, ci troviamo in ottima sintonia e a me va bene perchè con lui non ci sono carezze o abbracci. Il nostro rapporto continua pure al telefono e mi trovo bene si parla di tutto e fa suscitare in me senzazioni mai provate, però è il mio segreto nessuno sa di questa mia corrispondenza. Mi va tutto bene, mi sento desiderata anche se non c'è nulla di fisico, anzi è meglio. Fino a che non conosco un ragazzo e decido di uscirci, potrebbe essere il ragazzo perfetto pieno di pazienza un ragazzo d'oro ed allora mi dico: perchè non provarci? Dopotutto è pur ora di venire allo scoperto, di vivere una storia vera! Mi trovo bene con lui è dolcissimo, ma non appena mi si avvicina io mi blocco, come sempre è successo e come purtroppo penso succederà per sempre. Nel momento in cui un uomo mi si avvicina mi fermo, comincio a tremare proprio come quando all'età di undici anni ho subito un'aggressione da parte di due ragazzini della mia stessa età, non una violenza fisica come si potrebbe pensare, anche se non ricordo, ricordo solo di essere finita dietro una macchina a terra e loro due sopra di me. Questo non l'ho mai raccontato a nessuno, non mi ricordo cosa sia successo mi ricordo soltanto che sono stata ferma e zitta, mi sono bloccata, come arresa per non subire maggior male. Non ho mai parlato con nessuno di questo, ma stasera mi sono chiesta, perchè non ha funzionato, come lui si è avvicinato a me io sono scappata letteralmente, mi sono bloccata! Proprio come durante la mia infanzia. Non sopporto più questa situazione! Mi sto facendo mancare l'affetto di cui una persona ha diritto, mi hanno detto pure che sono lesbica, fosse così almeno potrei vivere la mia sessualità con una donna! Ma non è così mi conosco. Il mio amico di chat inoltre sta diventando sempre più importante nella mia vita, ho un bellissimo rapporto che comunque mi appaga sentimentalmente. Sento parlare le mie amiche della bellezza di un abbraccio, di un bacio, io non conosco tutto ciò, mi blocco, il mio cervello comanda il mio corpo ed io non riesco più ad uscirne. Vorrei tanto trovare una soluzione a questo mio malessere, vorrei tanto uscirne, ma mi vergogno, mi vergogno della mia misera condizione. Scusate lo sfogo e vi ringrazio fin da ora.

Cara Rossella, dal tuo racconto si evince che c'è qualche problema esistenziale da rimuovere. Il trauma subito quando avevi undici anni può chiarire le mancanti motivazioni affettive verso la figura maschile di casa prima, il padre, e dopo fuori, verso i ragazzi. La chat, che unisce il tuo pensiero con un ragazzo che descrivi ottimo, fa intuire che a distanza provi forti emozioni e desideri in special modo, di essere innamorata di tutto ciò che avviene fra voi. Come consiglio, posso dirti di iniziare una psicoterapia psicodinamica per riuscire a capire le motivazioni di questo blocco e perchè no, incontrare il ragazzo con il quale c'è complicità per vedere se, comunicando e confrontandosi di persona certi blocchi possono anche sparire e essere superati. Auguri.

(risponde il Dott.Sergio Puggelli)

 

Pubblicato in data 7/04/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

News Letters

0
condivisioni