Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Paura del sesso (115449)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 24 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Serena 20

Salve,sono una ragazza di 20 anni e la mia paura più grande è legata al sesso. Questa paura non aiuta sicuramente i miei rapporti sentimentali con l'altro sesso, che immancabilmente non vanno mai al di sopra dei 2 mesi di frequentazione, prima della solita balla primordiale "ho bisogno di una pausa di riflessione". Il motivo per cui ho deciso di chiedere una consulenza alla vostra equipe di esperti è legato alla relazione sentimentale che sto vivendo in questo periodo. Voglio bene al mio ragazzo e vorrei potermi sentire finalmente libera di vivere l'amore come qualcosa di fantastico, ma c'è qualcosa che mi frena, qualcosa sicuramente derivante da un fattore di psiche; lui non può sfiorarmi un pò più intimamente che io mi irrigidisco come non mai, sento dolore e non provo piacere e in quei momenti di intimità il mio cervello si mette in moto e non la smette più, la testa si affolla di pensieri, di incertezze, di dubbi e perplessità. Non riesco proprio a viverla bene e ho tanta paura che continuando così, riuscirò a perdere lui così come ho perso altre persone. Suppongo che la mia paura, sia legata comunque alla paura di provare un dolore troppo grande per il mio grado di sopportazione, ho paura di sentire male, ma magari è qualcosa di molto più profondo che io non riesco ad identificare. Vi prego di leggere attentamente questa mia richiesta di s.o.s. e di fornirmi una spiegazione al perchè io non possa vivere serenamente l'intimità con la persona a cui voglio maggiormente bene. Grazie.

Cara Serena, dal racconto si evince che per il momento non hai conosciuto l'esperienza del rapporto sessuale e ti poni delle domande ,giuste ,sulle paure che ti assalgono nel pensare al dolore durante il rapporto. E' altrettanto chiaro che non hai molta conoscenza del tuo corpo e dei genitali in particolare. La diagnosi si può definire in un vaginismo o dispareunia da verificare con un accurata relazione fatta da un professionista del settore. Come consiglio ti invito a consultare uno psicoterapeuta sessuologo, che oltre a capire le motivazione delle paure può aiutarti ad accettare la sessualità con sereno piacere usando in particolar modo le tecniche della Kaplan. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

 

Pubblicato in data 23/03/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fine di un amore senza motivo …

tz86, 31     Buongiorno, è circa un mese che sono stato lasciato dalla mia ragazza. Una relazione breve, circa un anno. Ma molto intensa e bella...

Difficoltà nelle relazioni con…

io, 25     Lavoro in un codominio come portiere, da un po' di tempo ho come la sensazione che si approffitino di me. ...

Distacco dai genitori (1526380…

Alice, 25     Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni che lavora. Ho un fidanzato e per fine anno vorremmo andare a convivere. ...

Area Professionale

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

Le parole della Psicologia

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Inconscio

Nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza Il termine inconscio (dal latino in- cons...

News Letters

0
condivisioni