Pubblicità

paura della visita ginecologica (48497)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 36 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lucia, 34anni (16.2.2002)

Ho 34 anni e sono prossima al parto (intorno al 20 marzo). Mi sono sottoposta, come è normale, già a diverse visite ginecologiche ed ogni volta è stata la stessa storia: non riesco a rilassarmi! Risultato: provo un terribile fastidio, talora insopportabile, perché misto anche a dolore, quando il ginecologo ispeziona le mie parti intime con il dito. Il medico, che è persona di grande garbo e professionalità, mi ha detto, però, che se continuo così, il momento del parto sarà drammatico, perché, allora, per controllare la dilatazione, dovrà inserirne addirittura due di dita dentro, e ciò, unito al dolore che inevitabilmente portano le doglie a tutto il resto, potrebbe rallentare tutte le procedure connesse alla nascita del bambino, con gravi conseguenze per la sua e la mia salute. Ciò, io credo, inevitabilmente, condurrebbe al cesareo, unica soluzione alla mia "follia", anche se il parto potrebbe avvenire naturalmente.
Tutti mi biasimano, per la mia mancanza di autocontrollo, da mia madre, donna forte e coraggiosa, più volte provata dalla vita, a mio marito, che mi adora, ma che non riesce a capire davvero le mie sofferenze. Nessuno capisce quanto per me sia difficile controllarmi: durante la visita vengo presa da un tremito irrefrenabile e mi chiudo a riccio, anche se non vorrei. Sono arrabbiatissima con me stessa per questa mia debolezza, che non accetto!!!!! Del resto era prevedibile: sono sempre stata una persona ansiosa e ho sofferto, anche in passato, di attacchi di panico. Era da tempo, però, che avevo recuperato la mia serenità e il dominio di me stessa: ho addirittura fatto l'amniocentesi con lo stesso ginecologo, senza emettere un lamento! Ora non vorrei che si tornasse punto e daccapo! Cosa debbo fare per riuscire a dominarmi?
Lucia '67

Cara Lucia, considerando il momento delicato che sta vivendo, immagino sia molto più vulnerabile e non credo ci siano rassicurazioni che possano tranquillizzarla. In questi casi la razionalità non è detto che riesca a sostenere. Considerando i suoi precedenti, credo sia utile potersi avvantaggiare di un sostegno psicologico, anche modesto, inteso non come spazio di cura, ma appunto come sostegno alle ansie che accompagnano un momento tanto bello e intenso quanto delicato, nella vita di una donna. Non deve fare esercizi per dominare i suoi vissuti, credo che questo possa addirittura irrigidirla di più. Forse anche semplicemente parlare con qualcuno "esperto"; magari può frequentare qualche gruppo di donne che stanno vivendo la sua stessa esperienza, anche solo per un breve ciclo, credo la possa sostenere. In ogni caso le faccio tanti cari auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

News Letters

0
condivisioni