Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Pedofilia (014424)

on . Postato in Sessualità | Letto 6 volte

Anonimo, 33 anni

Dunque, sono una donna di 33 anni, ed ho da circa un anno una relazione con un ragazzo 3 anni piu´giovane di me, figlio di separati, ed un padre estrmamente narcisista, donnaiolo, che ha esercitato un´enorme violenza psicologica da bambino, credo mai trasformata in azione vera e propria, sotto forma di abuso.
Potrei contare sulle dita il numero dei rapporti sessuali completi con questa persona, che sono scarsi e assolutamente non soddisfacenti, ne´sul punto di vista emotivo ne´su quello fisico ma ho scoperto che guarda siti porno optando per preferenze di carattere violento (fisting, gangbang - stupri) o soffermandosi su siti ai limiti del lecito, ragazzine/bambine (12-15 anni), che, ho notato, cerca anche con lo sguardo in giro per strada....mi ha inoltre raccontato che all´eta´di 23 anni in un viaggio in thailandia dove ,diciamo, gli e´ "capitato" di incontrare un procacciatore di facili fanciulle che invece di proporgli appunto ragazze consenzienti gli apre una porta davanti ed escono sei bambine terrorizzate..... e lui e´scappato (dice) terrorizzato da quella situazione, mi chiedo come sia possibile che capitino cosi´a tiro di mano queste situazioni a meno che non te le vai a cercare.....
Ora, sono stremata, distrutta da questa situazione, da questi dubbi, credo che il mio partner non ha solo semplici fantasie a riguardo, ma una vera e propria predisposizione sessuale perversa, che non mi/ci permette di avere una relazione sana e felice.
Non oso pensare sia pedofilo, studiando psicologia ne so gia´qualcosa, ma come riconoscere il disagio e assicurarsi che sia davvero cosi´, e sopratutto cosa devo fare io? Non posso parlarne con lui direttamente, non saprei che reazione potrebbe avere in questa delicata situazione. Grazie mille per un aiuto!

Salve, probiblmente la necessità di fare qualche cosa in questi casi deve arrivare direttamente dal soggetto interessato, quindi sfruttando anche i suoi studi, quello che lei può fare per aiutarlo è solo di instradarlo verso un percorso che lui dovrà fare da solo e con motivazione per cercare di guarire il suo malessere. Buona fortuna


( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters