Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Pedofilia (014424)

on . Postato in Sessualità | Letto 10 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anonimo, 33 anni

Dunque, sono una donna di 33 anni, ed ho da circa un anno una relazione con un ragazzo 3 anni piu´giovane di me, figlio di separati, ed un padre estrmamente narcisista, donnaiolo, che ha esercitato un´enorme violenza psicologica da bambino, credo mai trasformata in azione vera e propria, sotto forma di abuso.
Potrei contare sulle dita il numero dei rapporti sessuali completi con questa persona, che sono scarsi e assolutamente non soddisfacenti, ne´sul punto di vista emotivo ne´su quello fisico ma ho scoperto che guarda siti porno optando per preferenze di carattere violento (fisting, gangbang - stupri) o soffermandosi su siti ai limiti del lecito, ragazzine/bambine (12-15 anni), che, ho notato, cerca anche con lo sguardo in giro per strada....mi ha inoltre raccontato che all´eta´di 23 anni in un viaggio in thailandia dove ,diciamo, gli e´ "capitato" di incontrare un procacciatore di facili fanciulle che invece di proporgli appunto ragazze consenzienti gli apre una porta davanti ed escono sei bambine terrorizzate..... e lui e´scappato (dice) terrorizzato da quella situazione, mi chiedo come sia possibile che capitino cosi´a tiro di mano queste situazioni a meno che non te le vai a cercare.....
Ora, sono stremata, distrutta da questa situazione, da questi dubbi, credo che il mio partner non ha solo semplici fantasie a riguardo, ma una vera e propria predisposizione sessuale perversa, che non mi/ci permette di avere una relazione sana e felice.
Non oso pensare sia pedofilo, studiando psicologia ne so gia´qualcosa, ma come riconoscere il disagio e assicurarsi che sia davvero cosi´, e sopratutto cosa devo fare io? Non posso parlarne con lui direttamente, non saprei che reazione potrebbe avere in questa delicata situazione. Grazie mille per un aiuto!

Salve, probiblmente la necessità di fare qualche cosa in questi casi deve arrivare direttamente dal soggetto interessato, quindi sfruttando anche i suoi studi, quello che lei può fare per aiutarlo è solo di instradarlo verso un percorso che lui dovrà fare da solo e con motivazione per cercare di guarire il suo malessere. Buona fortuna


( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Chiarimenti alla risposta del …

ALEXA1,52     Sono Alexa nel ringraziarla per la sua risposta dottore vorrei se fosse possibile chiarimenti poichè se fosse solo amicizia la nost...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

News Letters