Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Perdita del desiderio sessuale (135633)

on . Postato in Sessualità | Letto 7 volte

Lele 35

Da due anni e mezzo sono fidanzato con la mia partner e da circa un anno e mezzo conviviamo. Tra di noi il sesso ha attraversato varie fasi; i primi mesi di studio, poi ci siamo trovati brillantemente ed è andato benissimo fino alla convivenza; da lì vive situazioni alterne, a causa della mia incostanza nel desiderarla. Ho dei periodi più o meno brevi (al massimo 7 giorni), in cui perdo facilmente il desiderio sessuale. Poi mi sblocco e ritrovo tutta la mia virilità e vado bene per un po', poi di nuovo perdo la voglia. La mia partner vive molto male la cosa (e sinceramente anch'io). All'inizio lei dubitava della mia fedeltà; poi, tramite il confronto si è resa conto che il mio è un vero e proprio cortocircuito sessuale; chiaramente quando succede non si sente desiderata ed amata ed io mi sento inadeguato perchè non riesco a darle piacere. Ci proviamo ma per quanto ci impegnamo, non riesco. Tra di noi le cose vanno bene. Ci vogliamo bene, ci amiamo ma questi black-out che vivo minano anche la nostra intesa e la nostra serenità. Scartando l'ipotesi di un problema fisico (non a priori ma per il fatto che comunque quando ho voglia, la mia erezione è ottima) come possiamo risolverlo insieme? E' possibile che sia un sintomo di noia e quindi di relazione che debba necessariamente rinnovarsi oppure è una cosa del tutto normale con cui dobbiamo convivere?

Caro Lele, da quanto dice il suo desiderio si è modificato dopo la convivenza. Questo ci dice già dove si colloca l’inghippo. Sicuramente per una coppia, la convivenza costituisce un passo importante, un grande cambiamento che comporta il guadagno di alcune cose che prima non c’erano, ma anche la perdita di altre, come gli spazi di libertà e solitudine, di intimità con sé stessi. Per quanto amore e piacere si provi a stare con la persona cara, esiste uno spazio proprio personale, che rimane importante e vitale, ma che spesso viene invaso dall’altro. La giusta misura fra sé e l’altro si acquisisce gradualmente, con una serie di esperienze e aggiustamenti, quindi niente di grave in sé. Ma spesso, capita che il desiderio di spenga, forse perché si entra anche in una routine comune, in spazi programmati sia per l’affettività che per la sessualità, che portano ad un affievolimento del desiderio. Questa, è sola una delle possibile cause del suo blocco. Per entrare meglio nel merito della sua situazione, può chiedersi, cosa è cambiato dalla vostra convivenza, cosa le piace e cosa non le piace. In che modo, si è modificato il rapporto con la sua partner. Cosa avete scoperto l’uno dell’altro. Come vivete la convivenza, se avete ulteriori progetti, magari un figlio. Sicuramente, è qualcosa che è legato al vostro rapporto, che è emerso più chiaramente con la maggiore vicinanza. Già il modo in cui vivete questo corto circuito, ci fornisce alcuni indizi circa la qualità relazionale. La sua ragazza ha pensato subito all’infedeltà, per poi proseguire circa i sospetti di non amore e mancata desiderabilità. Lei a sua volta si sente inadeguato, perché non riesce a darle piacere. Da tutto ciò si evince una visione un po’ strumentale del sesso e della sua prestazione, come se dovesse dimostrare un sacco di cose, come se fosse un veicolo di messaggi di relazione e chissà di cos’altro. Certamente è anche questo, ma non solo! Mi sembra che vi siete dimenticati che prima di tutto Lele è una persona e questo black out è anche un modo per esprimere un disagio, che probabilmente è più propriamente di natura emotiva. Deve rendersi conto che non è una macchina, dove si schiaccia un pulsante e si aziona, è una persona con una serie di emozioni, pensieri, motivazioni consce ed inconsce, desideri e bisogni. Se c’è questo corto circuito, probabilmente non va tutto bene come le sembra, nella sua vita e nella relazione. Evidentemente c’è qualcosa che non funziona e la sua esistenza non è pienamente soddisfacente. Prenda questo disagio, come il segnale di qualcosa che non va e vada più a fondo!

(Risponde la Dott.ssa Sabrina Costantini)

Pubblicato in data 30/07/08
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

News Letters