Pubblicità

Piango dopo aver fatto l'amore (1698)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 279 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anna, 24 anni

Fin da piccola sono sempre stata molto emotiva; crescendo ho imparato a frenare le emozioni, fino ad arrivare al punto estremo di non saper più piangere (alla morte di mio nonno non trovando sfogo in un pianto sono stata fisicamente male per circa tre giorni). Da due anni ad oggi sto con un uomo che amo come non ho mai amato nessuno; è praticamente la mia prima storia seria e questo è quello che ciò di più strano ora mi succede: ogni volta che facciamo l'amore e, o raggiungiamo l'orgasmo insieme o il rapporto in se mi appare bellissimo, inizio a piangere! Qualche lacrima mi scende sempre anche dopo una discussione con lui; facciamo pace e io mi emoziono! Altra cosa; prima di innamorarmi di lui avevo imparato, oltre a soffocare gioie e dolori anche, a non imbarazzarmi più davanti alle persone (il classico rossore); ora per un nonnulla divento paonazza! Che dite, è tutto dovuto da un profondo amore che nutro verso il mio uomo che mi ha fatto ritornare molto emotiva o che altro? Grazie per lì'attenzione.

Gentile Anna, questa di cui parla e' una gestione delle emozioni per cui se in passato riusciva a reprimersi anche a scapito del suo benessere, ora si lascia andare a quello che prova positivo o negativo che sia e' una forma di non - controllo che in alcuni casi puo' essere molto sana per lei e per chi le sta intorno.

 

( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei )

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

News Letters

0
condivisioni