Pubblicità

Pornodipendente? (112406)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 43 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Claudio 20

Buonasera, da un pò di tempo a questa parte sono ossessionato da un discorso al quale non so trovare una risposta: la pornodipendeza! Io sono un ragazzo di 20 anni con un rapporto affettivo che dura ormai da 1 anno e 8 mesi, ma non con un regolare rapporto intimo (non per mancanza di voglia, ma solo per mancanza di opportunità di fare sesso con la mia compagna a causa di studio e nessun posto isolato). Pertanto, io sono propenso a masturbarmi a casa anche una volta al giorno (molto spesso anche due), un pò per noia e perchè non trovo niente di meglio da fare e un pò perchè avendo Internet continuo ad andare su siti pornografici gratuiti a cercare foto e video. Questo però si verifica nell'atto stesso della masturbazione che non dura ore e ore, ma al massimo una mezzoretta! Mi è capitato, a volte, di non avere molta voglia di fare sesso con la mia fidanzata o di masturbarmi la sera dopo un soddisfacente rapporto... Guardare e cercare immagini pornografiche mi diverte (come una ricerca di immagini di moto per un appassionato dei motori) e l'atto della masturbazione a volte è solo il culmine! La masturbazione a volte la vedo come un passatempo, ma sono preoccupato da questa cosa, in quanto credo che 1 o 2 volte al giorno siano troppe e la mia continua ricerca di materiale pornografico sia una dipendenza (infatti non riesco a fare a meno di frequentare tre o quattro siti per verificare aggiornamenti vari). Volevo anche chiedere come è possibili far finire radicalmente questa cosa... non senza masturbazione che comunque credo che fatta ogni tanto sia distensiva e riguardi un rapporto che ognuno ha col suo corpo... ma smettere di essere ossessionato dalla pornografia e smettere di masturbarmi 1/2 volte al giorno... Spero mi aiuterete! Grazie.

Caro Claudio, mi sembra che i quesiti che mi poni siano due, e di natura alquanto diversa. Per quanto riguarda la masturbazione, credo che ognuno conosca i propri bisogni, e quindi ci può essere una persona che ricorre all’autoerotismo di rado ed è soddisfatta così, e ci può essere una persona che ha bisogno di praticarlo più spesso. In nessuno dei due c’è qualcosa di anomalo, sono solo bisogni diversi. Per quanto riguarda invece quella che tu definisci pornodipendenza, il discorso è diverso. Se la tua ricerca di siti hard su internet serve solo a darti degli spunti di fantasia, credo non ci sia niente di male, se invece il navigare su siti a carattere pornografico sta diventando per te un’attività fine a sé stessa, e sulla quale senti di perdere il controllo, forse è il momento di farsi aiutare. Questo tipo di dipendenza ha i medesimi meccanismi, e purtroppo la medesima potenziale gravità di tutte le altre dipendenze, quella da droga o da alcool, per esempio, e va quindi affrontata con strumenti specifici. Ti consiglio di rivolgerti ad uno psicologo-psicoterapeuta esperto nell’ambito, e capire con lui che cosa fare. Molti auguri.

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

Pubblicato in data 1/02/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Ipnosi

Particolare stato psichico, attraverso il quale è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva dell’individuo, concedendo al singolo l'apertura della...

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

News Letters

0
condivisioni