Pubblicità

Pornodipendenza (114913)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 32 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Jacopo 20

Buonasera. Purtroppo in questo periodo sono assillato, e forse anche un po' influenzato da tutto ciò che leggo sull'argomento, dalla pornodipendenza. Da quando infatti all'incirca a 15/16 anni ho scoperto la masturbazione non dico che mi sia sottratto a questa pratica soprattutto in momenti di particolare tensione o magari anche per noia. Tranne rarissime volte, non sono mai stato ore e ore davanti al pc a cercare foto filmati e quant'altro, nei momenti di noia in cui non faccio nulla però capita spesso che, per una mezz'oretta mi "dedichi" alla masturbazione. Non ho mai avuto grossi patemi mentali per questa cosa che giudicavo e tutt'ora giudico, naturale e che riguarda un rapporto privato con il mio corpo. Ultimamente ho letto molti articoli e molti forum sulla pornodipendenza, ed è qui che è nata la mia preoccupazione. Ho iniziato a pensare che anche la mia potrebbe essere una dipendenza visto che (siccome vivo anche da solo ed ho l'accesso ad internet) nei momenti di noia, non riesco a non "impegnare" il tempo in questi modi e cioè andando a cercare per quel breve lasso di tempo materiale per masturbarmi. Ovviamente non eccedo quasi mai in questa pratica, infatti mi masturbo massimo una volta al giorno e raramente anche due a distanza cospicua l'una dall'altra. La cosa particolare è che io sono anche fidanzato da ben due anni. Questa cosa non ha quasi mai gravato sul mio rapporto. Ci sono state solo tre o quattro volte che ho preferito non fare l'amore con la mia ragazza forse per stanchezza e che quindi mi ha portato poi a casa a volermi masturbare. Con lei non faccio l'amore tutti i giorni c'è da dire, una o due volte a settimana sono anche tante e il desiderio si sente dentro di me ogni giorno direi. Ma il problema per me, riguarda questo desiderio incontrollabile di mettermi al computer davanti a siti pornografici senza riuscire un giorno a smettere e dedicarmi per esempio alla fantasia, perchè no. Volevo chiedere in questa prima mail (sperando che non sia l'ultima o magari sperando che non sia niente di grave e quindi non ci sia bisogno di altre consulenze) cosa ne pensate.

Caro Iacopo, dal racconto la domanda sorge spontanea:"Perchè si masturba quasi quotidianamente anche più volte in un giorno guardando filmati pornografici? Quale rapporto relazionale hai con la coppia visto che sei fidanzato e fra le pieghe si può intravedere che fai sesso molto spesso?". Partendo dall'ultima domanda si può affermare che come coppia non fate all'amore,ma sesso poichè si devono trovare sentimenti, sensazioni ed emozioni che due persone che si amano cercano nell'unirsi e nell' essere complici nel rapporto stesso. La domanda per cui c'è la paura di essere pornodipendente e da come viene descritta si può desumere che si tratta di una parafilia non altrimenti specificata con il nome di PICTOFILIA (eccitamento sessuale derivante dalla vista di pellicole oscene e pornografiche.) Consiglio di rivolgersi ad uno psicologo psicoterapeuta per capire e conoscere cosa spinge a questo comportamento non tanto masturbatorio che se esercitato una tantum rientra nella normalità, ma come mai pur essendo coppia necessita la visione con conseguente masturbazione di pellicole pornografiche. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

 

Pubblicato in data 20/03/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Ansia da separazione

La causa alla base di questa esperienza nel successivo sviluppo di un disturbo mentale non ha più significato senza l’interazione di altri fattori che contribui...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Manierismo

Questo termine sta ad indicare un uso dei mezzi espressivi eccessivo e sovraccarico, cioè una mimica, un comportamento ed un linguaggio privi di naturalezza o s...

News Letters

0
condivisioni