Pubblicità

Presunta omosessualità (141977)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 33 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anonimo 25

Non so esattamente perchè scrivo o meglio, più che una consulenza vorrei un consiglio...ho avuto una brutta discussione col mio ragazzo sul fatto che le cose non andavano bene tra noi e il risultato è stato che mettendomi alle strette, ho dovuto confessare di provare attrazione per una mia cara amica. naturalmente la sua reazione mi ha sconvolto, e anche la mia considerato che questa era una confidenza che neanche io avevo mai affrontato con me stessa, facendo finta di niente, allontanando quest'idea per paura di doverla affrontare, così ho chiesto di poter riflette in pace sulla cosa, per capire se è reale, per sciogliere tutti i miei dubbi e capire se il mio orientamento sessuale è realmente cambiato. lui ha reagito confessando tutto subito all'amica interessata, catapultandomi in un 'incubo che ho dovuto affrontare per forza, levandomi la possibilità e il tempo di accettare la cosa. naturalmente ci siamo allontanate, non me la sento di affrontarla adesso, non senza aver fatto chiarezza sui sentimenti che provo per lei ma non voglio chiudermi in me stessa, voglio solo capire chi sono. Cosa posso fare? nessuno sa niente, almeno non ancora credo, neanche mia madre, con chi posso parlare? è il caso di andare da uno psicologo?

Gentilissima, dalle parole che leggo ti immagino molto agitata se non spaventata per questa situazione dolorosa che stai vivendo. Parli di reazioni “sconvolgenti”: sconvolgente la tua confessione, sconvolgente la reazione del tuo ragazzo…Probabilmente, anche se non ne eravate pienamente consapevoli, il disagio stava già da tempo sullo sfondo. Non mi preoccuperei troppo della tua attrazione verso la tua amica e tantomeno di definire un orientamento sessuale: non esiste un “orientamento migliore di un altro” e spesso il bisogno di definirci (soprattutto per rispondere ad esigenze altrui), non fa che aumentare il senso di disagio che ci accompagna in queste situazioni. Mi sembra importante che in questo momento inizi a prendere in considerazione un bisogno di sostegno e rassicurazione. Il mio consiglio è di chiedere un colloquio ad un professionista che possa aiutarti a fare chiarezza riguardo ai tuoi sentimenti e che ti supporti un po’ nella scoperta di te e nell’attraversare questo periodo così difficile. Buona vita! 

  (Risponde la Dott.ssa Bongiorno Laura)

Pubblicato in data 09/02/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia/ e Identità di Genere per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

Masochismo

Deviazione sessuale di meta che spinge l'individuo a cercare l'eccitazione e il piacere solo attraverso la violenza fisica o morale che gli viene inflitta. Spes...

News Letters

0
condivisioni