Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Presunta omosessualità (141977)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 25 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anonimo 25

Non so esattamente perchè scrivo o meglio, più che una consulenza vorrei un consiglio...ho avuto una brutta discussione col mio ragazzo sul fatto che le cose non andavano bene tra noi e il risultato è stato che mettendomi alle strette, ho dovuto confessare di provare attrazione per una mia cara amica. naturalmente la sua reazione mi ha sconvolto, e anche la mia considerato che questa era una confidenza che neanche io avevo mai affrontato con me stessa, facendo finta di niente, allontanando quest'idea per paura di doverla affrontare, così ho chiesto di poter riflette in pace sulla cosa, per capire se è reale, per sciogliere tutti i miei dubbi e capire se il mio orientamento sessuale è realmente cambiato. lui ha reagito confessando tutto subito all'amica interessata, catapultandomi in un 'incubo che ho dovuto affrontare per forza, levandomi la possibilità e il tempo di accettare la cosa. naturalmente ci siamo allontanate, non me la sento di affrontarla adesso, non senza aver fatto chiarezza sui sentimenti che provo per lei ma non voglio chiudermi in me stessa, voglio solo capire chi sono. Cosa posso fare? nessuno sa niente, almeno non ancora credo, neanche mia madre, con chi posso parlare? è il caso di andare da uno psicologo?

Gentilissima, dalle parole che leggo ti immagino molto agitata se non spaventata per questa situazione dolorosa che stai vivendo. Parli di reazioni “sconvolgenti”: sconvolgente la tua confessione, sconvolgente la reazione del tuo ragazzo…Probabilmente, anche se non ne eravate pienamente consapevoli, il disagio stava già da tempo sullo sfondo. Non mi preoccuperei troppo della tua attrazione verso la tua amica e tantomeno di definire un orientamento sessuale: non esiste un “orientamento migliore di un altro” e spesso il bisogno di definirci (soprattutto per rispondere ad esigenze altrui), non fa che aumentare il senso di disagio che ci accompagna in queste situazioni. Mi sembra importante che in questo momento inizi a prendere in considerazione un bisogno di sostegno e rassicurazione. Il mio consiglio è di chiedere un colloquio ad un professionista che possa aiutarti a fare chiarezza riguardo ai tuoi sentimenti e che ti supporti un po’ nella scoperta di te e nell’attraversare questo periodo così difficile. Buona vita! 

  (Risponde la Dott.ssa Bongiorno Laura)

Pubblicato in data 09/02/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia/ e Identità di Genere per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non so più che fare (153056873…

Alessia, 16     Non so più che fare, passo ogni giorno come se fossi in una bolla dove solo io sono in grado di capirmi, non si più davvero dove ...

Ansia, paura agitazione a caus…

Linda, 20     Salve, sono linda ho da un anno paura del vento, quando è forte pensavo mi fosse passata ma a quanto pare non è cosi anche perché o...

Paura di stare soli (153061543…

Alice, 25     Buongiorno, tra qualche mese andrò a convivere con il mio ragazzo ma quando ci penso non riesco a stare tranquilla. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolier...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters

0
condivisioni