Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Presunta omosessualità (142247)

on . Postato in Sessualità | Letto 11 volte

Marco 23

Salve. Ho 23 anni e ancora non capisco se mi piacciono le donne o gli uomini. Sono stato con 2 ragazze. Con la prima a 18 anni per circa 3 mesi e con la seconda l'anno scorso per circa un anno. Le ritenevo carine, però in entrambi i casi non mi eccitavo sessualmente e non sono riuscito a fare sesso. Riuscivo solo a masturbarmi, ma comunque non pensando a me con loro. Premetto che dai tempi della scuola media mi sentivo attratto da altri uomini specialmente piu grandi, tipo quelli muscolosi e pelosi (ci rivedo mio padre forse è una mancanza d'affetto che ho sempre sofferto nei suoi confronti). Quando mi masturbo immagino questi uomini reali o irreali che fanno sesso con donn, ma non immagino me con una donna. Se mi trovo a parlare con un uomo, però, sento una specie di repulsione come se stessi parlando verso una persona che ha le mie stesse caratteristiche sessuali e "rifuggo". Sono un tipo un pò insicuro e non riesco a capire se questa attrazione verso gli uomini  è un modo per sfuggire all' insicurezza o se è reale. Cosa ne pensa? Grazie!!

Caro Marco, sei confuso non c'è dubbio e forse la sessualità è un modo per vedere l'indecisione e l'ambivalenza che hai dentro e che certo ha bisogno di essere risolta. Chi sei e dove stai andando dipende da te, ma anche dal tuo passato. La tua mancanza di un punto di riferimento paterno non è da sottovalutare per il dolore procurato e per la carenza di un modello adeguato. In questo non sapere cosa desideri e chi sei c'è sicuramente una grande angoscia di crescita, come se non riuscissi a definirti da una parte e non riuscissi a diventare grande dall'altra, quasi in una posizione infantile, quella del "far finta"(3, 4 anni per intenderci) in cui i bambini giocano con una sedia come se fosse un carro armato e non  si capisce bene dov'è l'immaginario e dov'è la realtà.E' in quella fase che il bambino si sperimenta, internalizza gli strumenti per poter procedere da solo e quindi separarsi e individuarsi, avviandosi a diventare grande e ad essere qualcuno. Ed è in quella fase che sembri un pò inceppato, in un momento in cui il bambino può essere tutto e il contrario di tutto, ma è fondamentalmente asessuato e deve ancora identificarsi. Forse il problema non è chi è il tuo vero partner, ma chi sei tu. Dovresti provare a ritrovarti.

(Risponde la Dott.ssa Bosa Lucia Daniela)

Pubblicato in data 11/02/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Pet therapy

Con il termine pet therapy s'intende generalmente, una terapia dolce, basata sull'interazione uomo-animale. Si tratta di una terapia che integra, rafforza e co...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

News Letters