Pubblicità

Problema sessuale con antidepressivi (080364)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 40 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Luigi, 40 anni

Innanzitutto la ringrazio per la sua professionalità e disponibilità verso chi ne ha bisogno. Ho un problema, sono in cura per ansia, da tre anni prendo una compressa di zoloft da 50mg e del control 1mg , una pasticca e mezzo divisa in tutto l'arco della giornata. Ho notato che il desiderio sessuale è diminuito. Siccome ho ridotto l'antidepressivo fino a non assumerlo più vorrei sapere quanto ci vuole per smaltirlo dal corpo, premetto che non ho mai avuto problemi sessuali sono stato sempre molto efficente, ma incominciando questa cura ho riscontrato dei problemi come ritardi nell'eiaculazione, questo crea dei problemi con la mia patner perchè si stanca ad avere un rapporto molto lungo, e di conseguenza mi sembra di non soddisfarla. Facciamo molto sesso orale lei arriva all'orgasmo quattro o cinque volte, poi quando tocca a me lei mi incoraggia mi aiuta ma evidentemente con l'assunzione di questi farmaci io tardo a venire e lei si stanca tantissimo. Parliamo di un rapporto che può durare fino a un'ora e mezzo solo per la prima. Certo di una sua risposta e del buon consiglio che mi darà cordialmente la ringrazio di nuovo.

Caro Luigi, devi sicuramente affrontare questo problema con lo specialista che ti segue ed ha prescritto la cura, ed eventualmente cercare di tentare una somministrazione diversa ed una alternativa alla stessa cura. Quello che tu dici essere un disturbo d'ansia, è troppo generico per poterti suggerire a distanza una soluzione adeguata.
Credo in ogni caso che ti sarebbe molto utile quantomeno affiancare alla terapia farmacologica una psicoterapia supportiva che ti sostenga nelle tue difficoltà emotive e relazionali. Non è infatti solo con un farmaco che potrai riacquistare un buon senso di te stesso e una buona qualità della vita.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Il Problem Solving

Il termine inglese problem solving indica il processo cognitivo messo in atto per analizzare la situazione problemica ed escogitare una soluzione. E’ un'attivit...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

News Letters

0
condivisioni