Pubblicità

Problemi ad amare (52294)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 38 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Piero, 24 anni, 1.09.02

Vorrei avere un vostro parere su questo problema: Sono un ragazzo di 24 che ha problemi ad amare ossia non riesce a concepire una relazione in modo costruttivo e finalizzato a qualcosa di crescita delle persone a livello affettivo e personale,ho troncato rapporti che erano importanti per me per il semplice fatto che conoscevo un'altra ragazza, mi innamoro troppo facilmente e i dolori e sofferenze mi creano solo bastardaggine dentro di me e freddezza. Datemi il vostro parere voglio capire se ho dei problemi. Grazie Piero

Ciao Piero, anche se tu lo esprimi con poche parole il problema che descrivi sembra, invece, piuttosto difficile da affrontare. La difficoltà ad impegnarti in una relazione in maniera costruttiva è forse legata ad una paura di sentirti fragile all'interno del rapporto rispetto all'altra persona man mano che quest'ultima entra sempre più approfonditamente nella tua vita. Quando scatta il campanello d'allarme allora si cambia ragazza. La "bastardaggine" di cui parli forse è un modo di difenderti da qualcosa che avverti come un pericolo per te ma è anche qualcosa che ti impedisce di entrare davvero in contatto con le persone e di arricchirti e crescere attraverso questi rapporti. Possono esserci molte ragioni che ti hanno portato a questo atteggiamento ma visto che ora lo senti come un problema forse è arrivato il momento di capire cosa c'è dietro questa tua paura così da poterla anche superare. Potresti considerare la possibilità di rivolgerti ad uno psicologo della tua città che possa aiutarti a comprendere meglio le tue emozioni e le tue paure oppure cerca di soffermarti sulle ragioni che ti spingono ad allontanarti da persone che per te sono importanti. Non è impossibile innamorarsi di qualcunaltro quando si ha già un partner, ma se questo accade sistematicamente allora diventa indicativo di qualcosa che ci mette in difficoltà, che ci spinge alla fuga e dobbiamo domandarci cosa sia. Cerca di guardare dentro di te e di accettare le tue paure, tutti ne abbiamo.

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

News Letters

0
condivisioni