Pubblicità

Problemi ad avere rapporti completi (100225)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 49 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Claudia 21

Buongiorno dott.ssa, sono una ragazza di 21 anno da 3 anni sono fidanzata con il mio ragazzo.. abbiamo fatto l'amore per la prima volta ad agosto del 2004; io ho sentito molto male e forse da allora sono rimasta un po' bloccata! Premetto che eravamo da soli... tranquilli.. senza fretta, prendevo gia' la pillola quindi nn avevamo timore di un eventuale gravidanza! pero' per quanto rilassata ho avvertito molto male!e da allora nn riusciamo ad avere rapporti completi: lui entra poco poco (e io sento molto male, da nn riuscire a continuare) o riesce neppure ad entrare!!! Ho fatto una visita dal ginecologo, mi ha detto che a livello fisico è tutto ok e che l'imene è rotto parzialmente. Ho parlato con una sessuologa/psicologa ma mi detto che nn subìto blocchi da piccola... nn so che fare!!! E poi devo anche dirLe che nn mi sn quasi mai masturbata, solo qualche volta cn un cuscino; quindi nn conosco bene il mio corpo! Non ne ho mai sentito la voglia e il bisogno! Io amo da morire il mio ragazzo e ho una voglia incredibile di lui, di fare l'amore con lui, di sentirci una cosa sola! e quando lui mi tocca, mi fa del sesso orale, si struscia, mi accarezza io provo molto piacere... ma nn riusciamo ad avere rapporti! Io prendo la pillola e ho notato anche che la lubrificazione è pari a 0! La prego mi aiuti!!!!!!! Ho bisogno di supporto, di consigli! Grazie!!

Cara claudia, non ho ben capito che cosa le ha detto la psicologa, ma mi sembra di intuire che invece è riuscita a fare la visita ginecologica giusto, questo escluderebbe un eventuale vaginismo. Per quale ragione prende comunque la pillola senza avere rapporti? Quello che vorrei capire è se la penetrazione non è proprio possibile in nessun modo, neanche mettendo un dito suo o del suo ragazzo, oppure si tratta di un dolore fisico successivo a tutto ciò che lei non riesce a controllare e che le impedisce di andare avanti. Inoltre quello che mi dice sulla sua sessualità e sul conoscere poco il suo corpo potrebbe essere legato al suo problema anche se non è mai troppo tardi e potrebbe cominciare a darsi piacere da sola esplorandosi per poi farlo anche con il suo ragazzo. E' importante parlarne con degli specialisti quindi contatti ancora sia il ginecologo che il sessuologo per approfondire sia le eventuali cause organiche che psicogene, per esempio si faccia consigliare un gel o una crema vaginale per la secchezza, questo vi aiuterebbe a lubrificare meglio, spesso il dolore può essere collegato anche a questo, per quanto riguarda eventuali dinamiche legate al suo passato queste potrebbe approfondirle con lo psicologo. Vi sono quindi molteplici soluzioni al suo problema, una volta inquadrato esattamente di cosa si tratta con una buona motivazione e una buona intesa di coppia di sicuro ce la farete, spero di averla aiutata almeno in parte.

(risponde la Dott.ssa Benedetta Mattei)

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Masochismo

Deviazione sessuale di meta che spinge l'individuo a cercare l'eccitazione e il piacere solo attraverso la violenza fisica o morale che gli viene inflitta. Spes...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

News Letters

0
condivisioni