Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Problemi apparato genitale (139910)

on . Postato in Sessualità | Letto 7 volte

Fabio 34

Buongiorno, è da un mesetto che ho qualche disturbo localizzato nella zona degli organi genitali. Ho delle sensazioni difficili da spiegare, e cercando qua e la su internet, la cosa che più si avvicina ai disturbi che provo è sintetizzata in questa frase: "senso di peso o un fastidio perineale, bruciore lungo l'uretra a riposo, dolenzia ai testicoli, senso di peso sovra-pubico e nella parte interna delle cosce, bisogno di urinare più spesso". La cosa strana è che questa cosa mi era già successa circa una decina di anni fa (ho 34 anni) e senza nessun tipo di cura mi era completamente scomparsa. Non riesco a capire se si tratta di un'effettiva  patologia, oppure più semplicemente di un problema di natura psicologica. Spesso mi capita che se svolgo attività che escono dalla consuetudine, il problema sembra scomparire, un esempio su tutti: sono stato all'estero per 4 giorni, prima di partire il problema era abbastanza acuto, durante il viaggio era praticamente scomparso, mentre al rientro si è riacutizzato. Vorrei un consiglio sul da farsi.
Grazie, cordiali saluti.

Caro Fabio, mi sembra che la diagnosi sull’origine del suo problema, l’abbia fatta da solo. Intanto chiede il parere ad uno psicologo e non ad un medico. Solitamente, per questo tipo di sintomi, una qualsiasi altra persona, sarebbe subito andata dal medico ed invece lei chiede un parere psicologico. Questo fa supporre che già intuisca la natura emotiva del problema e che ne desideri solo una conferma. In secondo luogo, lei dice che se si occupa di qualcosa che esce dal consueto, il disturbo svanisce, un ulteriore elemento che determina la natura psicogena. Se ci fosse un problema medico, il sintomo non scomparirebbe così. Di sicuro, c’è molta insicurezza in lei, infatti cerca conferma di qualcosa che sa già e addirittura cerca su internet la definizione di ciò che sta provando. Sembra quasi che non si fidi di sé e delle proprie sensazioni, come se qualcuno di esterno potesse saperne o saper dire più di lei, per quello che riguarda la sua vita. Cominciamo dal riappropriarsene! Adesso, c’è da capire cosa della sua vita la disturba tanto, da crearle un disagio così forte. Ciò che la porta via dalla sofferenza, sembra essere ciò che esce dal consueto, per cui è ciò che la circonda abitualmente, che le crea sofferenza. Il suo esempio del viaggio all’estero, fa pensare che deve esserci qualcosa o qualcuno, nella sua quotidianità, da cui si è allontanato con quell’aereo, che la disturba enormemente, fino a farla star male. Un altro indizio può essere dato dalla natura del sintomo stesso, ovvero “cosa le impedisce di fare, questo sintomo?” Ciò che le impedisce di fare, costituisce ciò che lei non vuol più fare e poiché non riesce a dirselo e a darsene il permesso, il corpo ha preso le sue veci e la obbliga a prendere in considerazione il problema. Cos’altro era successo dieci anni fa, che ha creato lo stesso problema? Cosa c’è di analogo, fra la sua situazione di dieci anni fa e ora? Io non ho sufficienti elementi per darle uno spunto in questo senso, ma può darselo da solo, rispondendosi a queste semplici domande. Lei ha tutti gli strumenti, per ottenere le sue risposte! Generalmente quando si trova la risposta giusta, il sintomo scompare e si viene immediatamente liberati dalle tensioni somatiche. C’è da vedere però, se è stato un problema più episodico o se c’è un problema più generale, legato ad uno suo modo di reagire agli eventi, tendenti alla somatizzazione. In quest’ultimo caso, occorre un presa in esame della situazione più globale e magari un intervento di tipo psicoterapico. Perché se non lavora su sé, magari il sintomo può momentaneamente sparire, ma al prossimo problema, riaffioreranno nuovi disturbi. Questo quadro può essere facilmente compreso, osservandosi alle spalle, guardando come ha reagito di fronte a tutte le tappe evolutive più importanti della sua vita (passaggio di scuola, cambio di professori, situazioni nuovi, nuove relazioni, nuovi compiti, ingresso nel mondo del lavoro, situazione relazionale, ecc.). Osservare la sua storia, le permetterà di comprendere quali sono i suoi modi usuali, per reagire agli stress, alle tensioni, ai compiti vissuti come emotivamente difficili. Le darà un’idea del suo modo di vivere le cose e di affrontarle. Forse scoprirà un mondo affascinante, che si chiama “Fabio”.
Bhe, non mi manca che dirle: Buon lavoro!

 

(Risponde la Dott.ssa Costantini Sabrina)

Pubblicato in data 18/11/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un og...

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

News Letters