Pubblicità

Problemi di coppia (103577)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 26 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Daniele 24

Saluto lo staff che cura questo sito. Vi propongo un problema che mi tormenta da tempo anche perchè rischia di fare terminare il rapporto che ho con quella che considero la donna della mia vita: stiamo assieme da quasi 2 anni, in principio avevamo una relazione molto passionale e abbiamo avuto rapporti regolari per i primi mesi, in genere vivevamo benissimo la nostra sessualità, dopo 1 rapporto (con o senza orgasmo) stavamo così bene assieme che passavamo le ore a parlare e coccolarci intervallando tra 1 rapporto e l'altro. Dopo qualche mese io le confidai qualche piccola fantasia, niente di anomalo a mio modo: le chiedevo ogni tanto di indossare 1 perizoma oppure a volte di poterla guardare mentre faceva la doccia, insomma niente di anomalo. Tuttavia lei non mi ha mai confidato nessuna fantasia ne mai ha cercato di anticipare un mio desiderio. Dopo qualche mese ho cominciato a reprimere le mie fantasie e le ho anche confidato che le reprimevo propio perchè lei le conosceva e il fatto che le accontentasse solo dopo la mia richiesta mi faceva dedurre che fossero sgradite a lei, inoltre la sua assenza di fantasie mi faceva provare 1 forte senso di colpa. Ho smesso perciò di chiedere e provo quando ce n'è l'occasione a stuzzicarla con piccoli segni o con allusioni (niente di volgare, cose del tipo: mordicchiarle le orecchie o dirle: "stasera pare proprio che siamo soli, magari potremmo approfittarne per rilassarci un pò assieme".) lei coglie queste allusioni tuttavia non abiamo rapporti se non sono comunque io a "cominciare i preliminari". La nostra vita sessuale è diventata sporadica e sono diventato molto insicuro, questa situazione è sfociata in me e lei in 2 modi differenti. Io: provo ancora un attrazione intensissima per lei, mi basta il minimo contatto con lei o anche solo vederla per provare una forte eccitazione, tuttavia da quando la vita sessuale è diventata sporadica vivo questa eccitazione negativamente e cerco di reprimerla per evitare il senso di colpa dato che lei non da comunque segni di eccitazione. Non ho mai desiderato nessuna altra ragazza da quando conosco lei eppure ultimamente vengo tormentato in sogno o anche durante il giorno mentre penso da fantasie identiche a quelle che confidavo a lei ma sempre con donne diverse spesso irreali o comunque inavvicinabili (donne dello spettacolo, indossatrici, fotomodelle) ma a volte anche reali (colleghe, amiche). Questo crea un circolo vizioso perche quando sono con lei mi sento ancora più in colpa perchè sento di averla tradita e mi inbisco, e come risultato quando siamo in intimità (accade sempre più raramente) al primo segno di dubbio da parte sua rinuncio completamente al rapporto. Lei: lei mi appare insicura, apatica quando siamo in intimità, è diventata insicura anche sul suo corpo, io la amo e già quando non la amavo provavo per lei una fortissima attrazione fisica, è una ragazza stupenda ma ora si sente brutta e cerca di migliorarsi con la palestra, una maggiore cura del corpo in genere (con risultati scarsissimi dato che è gia magra, bellissima, e gli unici difetti che ha sono piccolezze che la rendono ancora più affascinante). Qualche tempo fa mi ha confidato che crede che io la tradirei alla prima occasione dato che la nostra vita sessuale è insoddisfacente e non mi piace più come una volta (cose non vere anche se il mio atteggiamento di questi tempi potrebbe farle intuire). Non so come comportarmi, ora la situazione è drammatica per me, sento che la sto perdendo. Ho rinunciato ai miei impulsi, alla mia vita sessuale perchè lei sembrava infastidita da quest'ultima, ora lei sembra soffrire per questo. Io la amo e sono certo che è la donna che mi rende felice e mi completa nonostante abbia solo 22 anni (io 24). Posso anche fare una vita di castità ma ciò che lei mi dà per tutti gli altri aspetti del rapporto è troppo importante per me. Cosa devo fare? Parlarne non ha risolto nulla, lei non riesce comunque a sbloccarsi e nonostante dopo una discussione (pacifica e molto sincera) abbia per un paio di giorni provato a prendere lei qualche iniziativa ma tutto è finito li, ora non abbiamo rapporti da quasi 3 mesi e lei è sempre più nervosa e insicura, le ho anche chiesto se voleva che sparissi per un pò e lei in lacrime mi ha detto che non voleva assolutamente perchè conto troppo per lei. Sembra che siamo destinati ad un rapporto platonico che tuttavia ci sta allontanando Per favore datemi qualche consiglio, vi ringrazio anticipatamente.

Gentile Daniele, la sua situazione è effettivamente piuttosto complessa. Mi pare di capire che, fino a quando lei non ha iniziato a confidare le sue fantasie (del tutto innocenti) alla sua ragazza ,le cose tra di voi andassero bene. È evidente che da quel momento in poi qualcosa si è inceppato. Forse la sua ragazza ha qualche difficoltà rispetto ad una sessualità libera, in cui ci sia posto anche per le fantasie, forse questo dipende dall'educazione che ha ricevuto in famiglia, oppure è anche possibile che abbia qualche forma di inibizione. Solitamente il modo migliore per affrontare situazioni di questo tipo è il dialogo; può ritentare questa strada , parlare con la sua ragazza, e soprattutto dirle sinceramente quello che prova nei confronti di questa situazione. Se nemmeno questa strada dovesse avere successo, potreste chiedere aiuto ad un sessuologo, per un percorso di coppia. In genere è una strada rapida, interessante, che potrebbe portare grande giovamento al vostro rapporto. Molti auguri

(risponde la dott.ssa Serena Leone)

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Psicoterapia

La psicoterapia è una forma d’intervento terapeutico nei confronti di disturbi emotivi, comportamentali, ecc., condotto con tecniche psicologiche. La Psicote...

Dipsomania

Per dispomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e μα...

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

News Letters

0
condivisioni