Pubblicità

Problemi di coppia

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 45 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giunone 33

Già una volta vi ho scritto e gentilmente mi avete dato una risposta. Il mio problema riguardava mio marito, 32 anni che apparentemente non nutre alcun desiderio nei miei confronti (siamo sposati da meno di sei mesi e anche da fidanzati non abbiamo avuto molte opportunità di fare sesso). In effetti lui ha anche dei problemi fisici (cisti ai testicoli che si gonfiano e gli fanno male) ma di fare l'amore con me non se ne parla proprio mai. Da che ci siamo sposati l'abbiamo fatto 5 o sei volte e l'ultima volta 3 mesi fa. Prima di operarsi deve fare la spermiografia, ma per fare la spermiografia deve osservare 3 giorni di astinenza e sperare che non abbia un'eiaculazione spontanea se non si ricomincia da capo. Il risultato è che tenta da un mese, ma non riesce a portare a termine i 3 giorni e se ci riesce magari poi non riesce a eiaculare per raccogliere lo sperma. Io faccio di tutto per essergli vicino ma non ce la faccio più. Come mi devo comportare? La mia autostima sta finendo sotto terra, non glielo vorrei far pesare ma io non ce la faccio più a dormirgli accanto senza poter fare l'amore neppure una volta tanto. Ma possibile che invece lui non lo desideri? Da come si comporta sembra proprio di no: giorni fa, perchè ha visto che proprio lo desideravo, mi ha svegliata mentre dormivo per fare l'amore con me. Aveva un'erezione ma si è raccomadato di far presto ..... ma nè un bacio nè una carezza!!! perchè? Eppure lui è un uomo molto molto dolce e sono sicura che mi ama. Naturalmente è finita che ho rinunciato a fare l'amore e da allora non me lo ha nepèpure più proposto. Ormai neppure prendo l'iniziativa perchè tanto mi dice sempre di no. Allora io vi chiedo 2 cose: 1) Possibile che il problema fisico spenga ogni desiderio? 2) Come mi devo comportare? Io lo amo tantissimo ma la notte a volte sogno di fare l'amore con altri... Cosa mi sta succedendo? Di fare una psicoterapia non se ne parla proprio perchè lui non ci crede. Vi ringrazio per l'aito e per i suggerimenti che potrete darmi.

La richiesta che lei fa non è di facile soluzione poichè suo marito non accetta di fare una psicoterapia di coppia presso un sessuologo che è l'unico che può aiutarvi.Secondo la mia esperienza suo marito ha irrisolti molti problemi soprattutto di carattere sessuale in quanto se la notte, quando il corpo dorme e la mente no, ha le eiaculazioni notturne significa che il desiderio c'è e che i suoi disturbi fisici non sono primari per la mancanza di desiderio, fare all'amore non significa fare sesso,e quindi ci possono essere molte più attenzioni sia affettive che fisiche da produrre per far sentire la propria partner soddisfatta. E' altrettanto chiaro che fra voi c'è la mancanza di confidenzialità e complicità. La sua paura di fare sogni erotici rientrano nella naturale composizione del suo stato emotivo, quindi non mi preoccuperei più di tanto per eventuali sogni, piuttosto se la cosa deve durare nel tempo una decisione è da prendersi il suo comportamento deve essere centrato nel far capire a suo marito che cosi facendo può minare l'equilibrio della vostra unione.

(risponde il dott. Sergio Puggelli)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore). ...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters

0
condivisioni