Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Problemi di erezione (009343)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 32 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Edoardo, 24 anni

Egregio dottore,
sono un ragazzo di 24 anni, da due anni e mezzo sono insieme ad una ragazza che amo moltissimo con cui ho una buonissima intesa sessuale e un bellissimo rapporto.
Da qualche settimana però ho dei problemi.
Inizialmente pensavamo fosse solo un calo del desiderio dovuto ad un periodo di forte stress a causa del lavoro e ad alcuni litigi che hanno minato il nostro rapporto, ma dopo aver superato i problemi ed essere tornati alla ns solita felicità e dopo aver passato lo stress lavorativo continuo ad avere difficoltà ad avere delle erezioni.
Fino a qualche tempo fa mi ci voleva molto poco per averne, mi bastava sentire la sua voce,ricevere qualche carezza o pensare di avere rapporti con lei, ora riesco ad averne (e comunque non erezioni al 100% come prima ma meno intense) solo al momento di fare l'amore o di darci piacere, erezioni oltretutto che diminuiscono molto in fretta se mi "distraggo" un attimo (ad es. quando prendo il preservativo).
Inoltre - ed è la cosa che mi preoccupa di più - non ho più erezioni mattutine (ma a volte mi capita di avere polluzioni notturne)
Cosa mi consiglia di fare? andare da uno specialista? Andrologo, urologo o cosa?
All'inizio del mio rapporto con lei sono andato da un andrologo - sessuologo (molto conosciuto da queste parti) per un problema di eiaculazione precoce "ante portem" (come l'ha definita lui - mi capitava di eiaculare solo per delle carezze!) ma sinceramente non ne sono rimasto molto contento sia per il tipo di persona che mi sono trovato davanti, per la visita che mi ha fatto e per la cura che mi ha dato: mi aveva consigliato degli antidepressivi che ho evitato di prendere ed insieme alla mia ragazza sono riuscito a superare quel problema ed ora mi trovo un po' perplesso a tornare da qualcuno del genere, per questo mi rivolgo a voi!
Mi scuso per il dilungamento e vi ringrazio tantissimo anticipatamente per una vostra risposta.
Edoardo

Caro Edoardo da quanto riferito l'ipotesi che mi sento di fare è che sia il sintomo attuale che quello presentato in passato sono entrambi riferibili ad un problema di ansia generalizzata. A tale proposito ti suggerisco una psicoterapia associata ad una terapia sessuale.
Auguri

( risponde la dott.ssa Maria Assunta Consalvi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non so più che fare (153056873…

Alessia, 16     Non so più che fare, passo ogni giorno come se fossi in una bolla dove solo io sono in grado di capirmi, non si più davvero dove ...

Ansia, paura agitazione a caus…

Linda, 20     Salve, sono linda ho da un anno paura del vento, quando è forte pensavo mi fosse passata ma a quanto pare non è cosi anche perché o...

Paura di stare soli (153061543…

Alice, 25     Buongiorno, tra qualche mese andrò a convivere con il mio ragazzo ma quando ci penso non riesco a stare tranquilla. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

News Letters

0
condivisioni