Pubblicità

Problemi di erezione (147332)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 40 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lorenzo 20

Ciao staff di psiconline! Vorrei esporre un problema che mi sta impensierendo. Sono un ragazzo di 20 anni e non ho mai avuto rapporti sessuali. Ora sono fidanzato da un mese con una ragazza che desidero moltissimo, però nei momenti di intimità (preliminari) non riesco a raggiungere un' erezione solida, o se la raggiungo non è durevole, inoltre divento quasi insensibile (lei non è nemmeno molto pratica).
Prima mi masturbavo con regolarità, soprattutto con l'ausilio di pornografia, mantenendo erezioni durevoli e solide. Ultimamente ho smesso, avendo paura che la causa fosse in questo, e masturbandomi concentrandomi sulle sensazioni, raggiungo una erezione soddisfacente, ma trovo molto difficile raggiungere l' orgasmo, il quale poi risulta poco piacevole.
Secondo lei la causa dove può essere ricercata? e se il problema persiste dove potrei trovare un valido aiuto? il medico di famiglia è un amico di famiglia e non mi troverei molto a mio agio a parlarne con lui.
Posso comunque dire che nel corso dei nostri incontri le erezioni diventano più frequenti, rispetto ad una iniziale completa assenza (nel momento clou, perchè da vestito ne avevo), però il raggiungimento del mio orgasmo è molto lontano, e questo inizia a farla soffrire.
Spero in una celere risposta, grazie e ciao! 
 

 

/> Caro lorenzo,
La tua storia è classica di coloro che sono alle prime sperienze sessuale ed hanno una unsufficente educazione sessuale.
L'aver fatto uso di pornografia può aver alterato il tuo pensiero naturale sui rapporti poichè la pornografia non è la realtà, ma l'illusione del potere maschile, è chiaro che è facile immedesimarsi in special modo con la masturbazione.
La problematica presentata per una maggior correttezza richiede due interventi, il primo una visita dall'urologo andrologo per assicurarsi che da un punto di vista fisiologico sia tutto nella norma. In un secondo momento consultare uno psicoterapeuta sessuologo che può aiutarvi sia individualmente sia in coppia; infatti, la terapia sessuologica in questo caso prevede delle tecniche da effettuarsi in coppia, la soluzione dei disturbi erettivi è favorevole al 95% quindi con estrena serenità puoi affrontare con la tua ragazza la terapia indicata.
Auguri 



(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 30/08/2011
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. ...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni