Pubblicità

Problemi di sesso (116215)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 24 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Dario 23

Salve, mi chiamo Dario, ho 23 anni e sto con una ragazza da circa 2 anni che ne ha 22. Ci amiamo moltissimo, il problema è che da qualche mese la mia ragazza non riesce più a lasciarsi andare quando facciamo sesso, o meglio, non ne sente più il bisogno e preferisce farsi coccolare, piuttosto che fare l'amore con me. Da premettere che per circa un anno e mezzo lo abbiamo fatto ovunque ed in qualsiasi situazione, ma adesso la mia ragazza sostiene che forse non c'è più attrazione tra noi due. È l'unica motivazione che riesce a darsi. Sinceramente per me non è così, perchè nel momento in cui noi lo facciamo a lei piace molto, il problema è che non ne sente il bisogno, quindi non le va di farlo. Sinceramente sono molto preoccupato anche perchè rischia di finire il nostro rapporto dato che lei si sta convincendo che non ci sia più attrazione. Che cosa posso fare per riaccendere in lei questa passione? Non voglio che il rapporto finisca, anche perchè per il resto va tutto bene, stiamo benissimo, ci baciamo e ci coccoliamo regolarmente, quindi è solo un problema sessuale. Cosa posso fare? Lei mi ha chiesto di dimostrarle che ci sia qualche altra cosa che causa questa situazione, e non per il fatto dell'attrazione fisica; devo assolutamente trovare una motivazione valida per dimostrare che tra di noi l'attrazione fisica ancora esiste. Sono molto preoccuppato. Attendo una vostra risposta a brevissimo dato che rischio di rimanere single. Grazie.

Caro Dario, sono molti i motivi per i quali la tua ragazza non ha desiderio sessuale, e credo che solo lei possa capirli. In effetti sembra un po’ strano anche a me che dopo soli due anni l’attrazione tra voi si sia già esaurita; ma è anche vero che l’attrazione sessuale in una coppia non è né eterna né scontata, se si vuole che duri bisogna coltivarla giorno per giorno. È possibile che questo aspetto sia mancato tra di voi? Comunque è importante anche il fatto che tra di voi, a parte lo scarso desiderio, le cose procedano bene; il che significa, immagino, che potete parlarne, confrontarvi, cercare insieme delle soluzioni. Se questo non dovesse servire, e se la sua ragazza sentisse che davvero in lei si è esaurita l’attrazione, il mio consiglio è di rivolgervi ad un sessuologo. La prima cosa da capire è se ci siano dei conflitti nascosti; e poi eventualmente trovare il modo di recuperare questa attrazione. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

 

Pubblicato in data 16/04/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Longininfismo

Carattere degli organi sessuali femminili determinato da un grande sviluppo delle piccole labbra (o ninfe), le quali protendono all’esterno delle grandi labbra ...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni