Pubblicità

Problemi erezione (157568)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 56 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Andrea, 27

 

Gentile Dottore,
da qualche anno (da quando mi sono lasciato con la fidanzata) ho problemi di erezione quando mi trovo da solo con le donne.
E' appurato che il mio è solo un problema di testa. A volte, quando le donne mi piacciono davvero non ho questo tipo di problemi, ma sono occasioni rare. Quando sto con una ragazza e sto per avere un rapporto inizio a pensare fortemente che potrei fallire, inizio a concentrarmi e questo crea una sorta di stress che mi porta a non avere un erezione.
Come faccio a risolvere questo problema? Adesso sto frequentando una ragazza, la prima volta che siamo stati soli mi è capitato di avere un erezione che è durata solo un paio di minuti, dopodichè non ho più provato.
Devo parlare con la ragazza per risolvere questo tipo di problema? Non so cosa fare, mi sono documentato molto e so per certo che il mio è un problema di testa e non fisico.

Caro Andrea,
il quesito che hai posto è abbastanza frequente nei giovani poichè secondo il mio parere non hanno ben chiaro cosa sia la sessualità, quella esercitata in coppia stabile e non in avventura.
Le difficoltà erettive avvengono quando pensiamo di fare una prestazione e non un effusione romantica, infatti con la ragazza stabile tutto era ok con le occasionali un flop.
Adesso che hai una ragazza con la quale hai iniziato un percorso affettivo e di coppia consiglio di parlarne e descrivere le proprie emozioni e difficoltà, se tutto viene esposto correttamente il problema dovrebbe scomparire.
Eventualmente consiglio di consultare un sessuologo incritto alla FISS che in coppia risolverà il problema di impotenza secondaria. Auguri

 

(Risponde il Dott.Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 08/02/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. ...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni