Pubblicità

Problemi sessuali (001345)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 44 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara, 31 anni

Salve, vi disturbo perchè ho un problema che non riesco a risolvere da sola...sto con il mio attuale ragazzo da quasi un anno e non sono mai riuscita a raggiungere l'orgasmo durante il rapporto..alcune volte ho finto solo ed esclusivamente per lui perchè diceva e dice che la colpa è sua....ma io non so proprio cosa mi succede..io lo desidero tanto e mi piace fare l'amore con lui ma non riesco ad andare oltre, è come se ci fosse un blocco nella mia testa che mi costringe a fermarmi....
Ho anche diversi problemi di ansia e sono in cura da uno psicologo..solo che sono indecisa se parlagli di questa cosa, mi sento imbarazzata...forse mi dovrei rivolgere ad un sessuologo o posso affrontare questo argomento con lui?
Ho anche poca fiducia nel mio attuale compagno perchè mi ha mentito diverse volte.... solo quando avevo 20 anni, con il mio primo ragazzo, sono riuscita a raggiungere l'orgasmo, sempre... poi ho avuto un altro ragazzo e adesso sto con questo ma con entrambi non sono mai riuscita... questa cosa mi fa stare male... sto cercando di darmi una spiegazione di tipo psicologico....visto che il mio primo ragazzo mi ha lasciata e io sono stata malissimo e da allora non sono più riuscita ad avere un orgasmo durante il rapporto...forse sono rimasta traumatizzata da tale storia e ho paura che se anche stavolta mi lascio andare succede la stessa cosa....scusate, non voglio disturbarvi ulteriormente....vorrei solo un consiglio su come comportarmi.. non ci devo pensare? mi devo invece impegnare per raggiungere l'orgasmo? Una vostra risposta sarebbe veramente importante per me....
Grazie Sara

Cara Sara la mancanza di fiducia nei confronti del tuo attuale partner e l'esperienza passata, come tu stessa hai ipotizzato, potrebbero aver contribuito all'insorgenza della sintomatologia che hai descritto. Naturalmente il caso per essere studiato ed interpretato ha bisogno di un setting terapeutico specifico.
Parlarne con lo psicologo che ti sta seguendo mi sembra doveroso anche perché, se lo riterrà opportuno, potrà lui stesso indirizzarti da un sessuologo. In molti casi le patologie sessuali si risolvono molto prima se si è seguiti da un sessuologo. Devi sapere che se riesci ad ottenere l'orgasmo mediante auto o etero stimolazione puoi considerarti a tutti gli effetti una donna orgasmica, molte donne si considerano anorgasmiche soltanto perché considerano l'orgasmo ottenuto con altre modalità orgasmo di serie B. Auguri

 

( risponde la dott.ssa Maria Assunta Consalvi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolier...

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

News Letters

0
condivisioni