Pubblicità

Problemi sessuali nel mio matrimonio (003249)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 28 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marcella, 39 anni

Gentilissimi, ho un problema che purtroppo non so piu come risolvere. Ho conosciuto mio marito 13 anni fa ed eravamo una coppia felice e normale fino alla nascita della mia prima figlia 6 anni fa. Non so e non riesco a capire come mai mio marito sia cambiato dopo la nascita della bimba. I nostri rapporti diventavano sempre piu rari, le cose sono peggiorate dopo la nascita della seconda figlia 3 anni fa. I rapporti erano praticamente assenti per tutto il periodo della gravidanza e per i 5 mesi di allattamento. La cosa che mi disturbava e ancora oggi mi fa rabbia e' che per la bellezza di 14 mesi mio marito non mi ha vista per niente, mentre magari passava le sue nottate davanti a siti particolari su internet. Gli chiesi come mai e la risposta fu: "loro sono piu disponibili". Mi accusava del fatto che io, stanca, mi addormentavo con le bimbe. Ancora oggi il problema non e' risolto, anzi, vi posso tranquillamente dire che stiamo anche 4/5 mesi senza toccarci, e se succede e' perche io inizio a stuzzicarlo.
Ora, dopo 6 mesi, il problema mi sembra piu grave. Non riesce a trattenersi, quindi non mi la possibilita' di provare piacere, oppure nel bel mezzo del rapporto, non ha piu l'erezione. Vorrei tanto aiutarlo ma non so piu come prenderlo, vorrei che questo problema non rovinasse il nostro matrimonio, ci stiamo staccando e io sono stanca di fare sempre il primo passo. Vorrei essere considerata "donna" ma purtroppo non e' facile visto che comunque mio marito non vuole parlarne con nessuno e tanto meno con un medico. Vi prego di aiutarmi, voglio bene a mio marito e non vorrei mai arrivare a tradirlo o rovinare tutto per un problema del genere. Sono sicurissima di nn esser mai stata tradita, quindi non riesco proprio a capire questa sua mancanza di desiderio nei miei riguardi. Aspetto ansiosamente una vostra risposta e vi ringrazio anticipatamente del vostro aiuto.

Cara Marcella, la frequentazione dei siti porno se protratta nel tempo può indurre compulsione e creare una sorta di dipendenza convogliando l'interesse dei soggetti dal sesso reale a quello virtuale. Comincerei con il controllarlo molto attentamente, nel caso la mia ipotesi fosse verificata devi decidere cosa fare.
Da quanto scrivi si può anche ipotizzare che tuo marito si sia reso conto che l' erezione del pene non è più come una volta e che eviti i rapporti sessuali per non incorrere in figuracce. La sintomatologia sessuale può testimoniare un conflitto relazionale inespresso.
Indipendemente dal motivo che determina il suo comportamento sessuale, dal momento che per te l'attività sessuale è un punto importante nella vita di coppia, devi creare il terreno giusto per poterne parlare apertamente. La sintomatologia sessuale viene trattata con successo con la terapia mansionale integrata e la dipendenza sessuale con la psicoterapia cognitiva. Auguri.

( risponde la dott.ssa Maria Assunta Consalvi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

News Letters

0
condivisioni