Pubblicità

Psicologia di coppia (003724)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 29 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elena, 34 anni

Buongiorno, sono una neo-moglie disperata. Sto con il mio attuale marito da 13 anni di cui 2 e mezzo di convivenza. E' stato il mio primo ragazzo. Prima di lui ho avuto un rapporto di 1 mese (solo baci). Mi sono messa con lui dopo aver tanto amato un suo amico ma poi lui mi ha talmente corteggiata che mi sono lasciata andare e dopo breve me ne sono innamorata. Dopo 5 anni ci siamo lasciati perche' lui continuava ad uscire alla sera con i suoi amici e si e' trovato anche un'altra.
La storia e' stata breve e siamo ritornati insieme. Prima della crisi lui e' sempre stato sessualmente interessato, dopo la crisi, passato un certo tempo si e' raffreddato, anche se ha sempre dimostrato di volermi un gran bene. Io non sono molto intraprendente e cosi' i nostri rapporti sono terminati. Perche' ci siamo sposati allora? Perche' stiamo bene insieme e ci amiamo. Anche i due anni di convivenza sono stati ottimi, il sesso in fondo non mi mancava molto (alcuni giorni sì, ma poi mi rassegnavo). Il matrimonio e' stato perfetto ed anche il viaggio di nozze. Poi ieri sera ho ficcato il naso nella sua valigetta ed ho trovato
un ritaglio di un giornale (che abbiamo comprato insieme domenica ed e' un allegato di un quotidiano) dove c'erano annunci di donne e uomini che cercano sesso. Mi sono sentita morire. Gliene ho parlato e lui si e' giustificato dicendo che era uno scherzo che voleva vedere se ficcavo il naso nella sua borsa. Ha telefonato ad uno di questi uomini e c'era segnato l'indirizzo sopra. Lui dice che ha solo telefonato.... io credo che sia andato a letto con questo. Forse e' gay. Non so piu' che fare, voglio andarmene di casa. Aiutatemi.

Cara Elena, ad essere sincera mi sembra che il bigliettino da lei trovato nella borsa di suo marito, come anche il fatto di andare a frugare tra le sue cose, sia soltanto la punta dell'iceberg. Dalla storia che mi ha raccontato mi pare che abbiate dei problemi da molto prima di questo "bigliettino". E il fatto di non avere, o quasi, rapporti sessuali mi pare una spia piuttosto evidente. Non necessariamente suo marito è gay, forse è in un momento di confusione, forse ha provato solo curiosità, forse anche a lui (come a lei, mi par di capire), il sesso mancava. Quale che sia la causa di questo comportamento, forse dovrebbe fare chiarezza piuttosto su quale sia lo scopo, ovvero chiedere cosa suo marito volesse ottenere con questo comportamento.
Ad ogni modo le consiglio vivamente di consultare un terapeuta di coppia, cosa che forse avreste dovuto fare un po' di tempo fa. Se lei e suo marito vi amate, troverete il modo ed il coraggio di affrontare i vostri problemi, sia dentro che fuori la sfera sessuale, e credo che una terapia sia il modo migliore per ritrovare il bandolo della matassa. Le faccio molti auguri.

( risponde la dott.ssa Serena Leone )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Sindrome dell’arto fantasma

 "Se togli a un uomo la gamba destra, anche a distanza di anni, ci saranno giorni in cui ti dirà che sente la gamba stanca, sì, la destra, gli farà male, p...

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’...

News Letters

0
condivisioni