Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Psicologia sessuale maschile (0182011)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 41 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mariella, 29 anni

Il mio ragazzo, 31 anni, é laureato, vive da solo, ha un lavoro che lo soddisfa e per cui é stimato, molti amici e la nostra storia che dura da 4 anni va molto bene. Il problema: Ha un rapporto col suo pene che a mio avviso non é normale, poiché quando é a casa lo tocca continuamente.

Che guardi la tv, parli al telefono o legga un libro automaticamente la mano libera é lí a massaggiarselo. Lo fa inconsciamente. Benché glielo faccia notare lui continua, non riscontrando alcun problema in questo suo comportamento e rispondendomi: "Sei invidiosa?".

Aggiungo che nella sua sfera personale piú intima non permette a nessuno di entrare. Io gli dico che per me si porta dietro qualche problema risalente alla sua infanzia...

Aiutatemi voi. Grazie.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

Cara Mariella da quanto riferisce mi sento di ipotizzare che la compulsione del suo ragazzo non è una pratica messa in atto per ottenere piacere sessuale ma è, piuttosto, un modo per prendersi cura di se.

La sua ipotesi che l'infanzia abbia rilevanza in questa sua modalità di comportamento e nel riserbo manifestato per determinati aspetti della sua vita non è da buttare via.

L'imbarazzo che questo comportamento le provoca è del tutto comprensibile ma ostinarsi a farlo smettere non è impresa facile, è come tentare di far smettere ad un bambino l'attività di succhiarsi il dito, lo farà soltanto quando avrà superato le sue paure interne. Provi ad essere più affettuosa e prodiga di coccole chissà che non serva a distoglierlo dall'attività auto-consolatoria.

Volendo può chiedergli di invertire i ruoli invitandolo per un attimo ad immaginare come si sentirebbe lui nel vederla massaggiarsi la vulva durante le varie attività della giornata e se il gioco di ruolo non basta passi ai fatti, la pratica può essere più efficace di mille parole.

Auguri

 

( risponde la dott.ssa Assunta Consalvi )

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: masturbazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identificazioni proiettive del bambino,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Wanderlust

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti Le persone che hanno una voglia perenne di partire, ch...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

News Letters

0
condivisioni