Pubblicità

psicologia sessuale (47633)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 61 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoStella L., 24anni (24.1.2002)

 

Gentile Dottore/dottoressa, ho già scritto alla vostra rubrica ma non ho avuto risposta. Il numero della mia precedente lettera era 46442. Ho controllato spesso ma non ho trovato pubblicata la mia lettera. Vi prego questa volta di rispondermi perchè il mio problema non si è risolto e si sta aggravando.
Ho da più di un anno un ragazzo, io ho 24 lui 29; è da premettere che insieme è stata la prima esperienza sessuale per entrambi. Per diversi mesi abbiamo usato il preservativo come protezione, mentre ora è da tempo che prendo la pillola e perciò abbiamo eliminato il preservativo. Il problema è che nonostante questo metodo sicuro, lui ha iniziato a praticare il coito interrotto, cosa che non sopporto anche perchè mi interrompe bruscamente l'atmosfera, il piacere (l'orgasmo l'ho raggiunto una sola volta durante il rapporto) e non ne vedo la ragione. Lui dice "parliamone", dice che non lo sa perchè fa così.. e io sembrerà strano ma mi innervosisco e mi viene quasi da piangere dalla rabbia! Quando sono quasi al piacere lui eiacula (fuori) e tutto finisce così. Ci rimango sempre male e soprattutto non conosco il perchè di questo suo comportamento. Gravidanze indesiderate non ne possono arrivare, e allora? Vi ringrazio e vi prego di aiutarmi, di darmi un consiglio, ma soprattutto vi chiedo di provare a farmi capire i motivi che potrebbero portare a questo suo comportamento.Ho paura di entrare in crisi con lui ma non riesco più a sostenere questo problema, mi irrita terribilimente e litighiamo dopo quasi ogni rapporto.
Cordiali saluti.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

Mi spiace per il disguido che non ci ha consentito di risponderle la prima volta. La mia idea sul comportamento del suo ragazzo è che lui ( consciamente o inconsciamente) non si fidi della pillola come metodo contraccettivo., che è totalmente delegato alla donna. Lui non può "controllare" se lei la prende o meno ed è probabilmente fortemente intimorito dall'idea di una sua possibile gravidanza. Forse ha anche paura che lei voglia costringerlo a passi che non desidera. In ogni caso mi sembra che abbia poca fiducia in lei e che oltretutto tenga in scarsa considerazione le sue esigenze sessuali, "costringendola" ad una pratica ( quella del coito interrotto) che lei giustamente lamenta come insoddisfacente.Penso quindi che lei debba riconsiderare questo rapporto, cercando di capire quanto è forte il suo desiderio emotivo e quanto quello di lui e avviare una discussione serena, non recriminatoria, sulla vostra relazione in genere più che specificatamente sulla dinamica sessuale.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

Emozione

Reazione affettiva a uno stimolo ambientale che insorge repentinamente e ha breve durata, come ad esempio paura, rabbia tristezza, gioia, disgusto, attesa. sorp...

News Letters

0
condivisioni