Pubblicità

Rapporti sessuali (158378 )

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 36 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mara, 26

 

Gentile Dottore,
sono una ragazza di 26 anni sposata da un anno e mezzo e con una bimba di 4 mesi. Le scrivo perchè la mia vita sessuale non va proprio bene, nel senso che, quando faccio sesso con mio marito al momento della penetrazione provo dolore, un dolore che molte volte mi impedisce di vivere pienamente il rapporto stesso. Ho affrontato molte volte il problemA con mio marito, ma non siamo mai riusciti a risolvere la situazione.
Pensavo che subito dopo il parto, questa condizione sarebbe cambiata, ma niente. Premetto che ho affrontato un parto difficile perchè per sofferenza fetale la bimba è stata estratta con la ventosa ed io mi sono lacerata tantissimo.Una volta, abbiamo usato un lubrificante, ma niente.
Mi creda sono disperata perchè penso che il sesso sia una delle cose più belle che un uomo e una donna possono vivere, ma per me è davvero un incubo. Nel salutarla la prego di indicarmi se c'è qualche metodo da usare per far fronte a questo dolore. Cordialmente, Mara

Cara Mara,
dal racconto si evince che il suo disturbo sia una dispareunia. Parla di far sesso e non all'amore è un lapsus o è veramente percepito cosi l'atto? Importante è sciogliere questo nodo da un punto di vista psicologico. Consiglio di consultare la ginecologa per aver ben chiaro che la parte genitale non abbia lesioni o cos'altro poi come coppia dovete consultare uno psicoterapeuta sessuologo iscruitto all FISS che con esercizi appropriati può risolvere il problema, sempre che sia di natura psicologica e no fisiologica. Auguri

 

(Risponde il Dott.Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 11/04/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolier...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

News Letters

0
condivisioni