Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

rapporti sessuali (43541)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 154 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Yuyu, 22anni (19.9.2001)

Ho un problema che ritengo enorme e che mi provoca disagi non indifferenti. Io ho paura di fare l'amore. Sono fidanzata da 3 anni ed ero vergine. La prima volta che abbiamo provato a fare l'amore ho provato un dolore terribile che è durato per tutta la giornata. Gli ho detto che mi faceva male e lui si è ritirato. La seconda volta lo stesso e la terza pure. Adesso mi sento una donna completamente inutile, sono molto demoralizzata è sfiduciata. Mi riduco ad inventare bugie, a raccontare di focosi incontri con le mie amiche solo per sentirmi uguale a loro, e ogni volta che mento mi sento sempre più male, ma non so evitarlo. Non riesco a capire cosa sia che mi blocca, ma ogni volta che lui mi si avvicina mi sento carica di desiderio, solo che al pensiero di quel dolore mi irrigidisco e cambio discorso.

Credo di non poter andare avanti ancora per molto, tra l'altro anche lui ha iniziato a dare segni di stanchezza. Non mi ha mai rinfacciato nulla, ma lo vedo annoiato e non è più 'dedicato' come prima. Non so se mi blocchi l paura di quel dolore o se ci sia qualcos'altro. So soltanto che sono stanca pure io di sentirmi una donna che non serve a nulla, perché questo è quello che mi fa più male! Sapere che per lui stare con me equivale a stare da solo! Come non avere una donna accanto! Credete che possa aiutarmi qualche rimedio 'drastico'? Tipo una forte ubriacatura prima di infilarmi nel suo letto, in modo da non capirne nulla? Vi ringrazio in anticipo!

Yuyu

Cara Yuyu, mi sembra che quello che propone è un "agito", vale a dire ricorrere ad una azione per evitare di soffermarsi e capire che cos'è quel dolore. Alla base di una condizione come quella che descrive possono esserci svariati fattori ed è probabile che venirne a capo da sola non è semplice, tra i più frequenti, c'è un rapporto conflittuale con i genitori che hanno contribuito a creare una cultura talmente rigida e moralistica da creare appunto problemi nel rapporto sessuale. Mancano elemnti nella lettera che possano fart avanzare ipotesi, seppur generali, della problematica. Di sicuro, però non è con l'ubriacatura che risolve quel problema, ma può solo aiutarla a non vedere qual'è.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Ecoprassia

È l’imitazione dei movimenti di altri, per esempio, di azioni (ecocinesi) e gesti (ecomimia). L'ecoprassia consiste nell' imitazione spontanea dei movimenti ...

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

Cyberbullismo

Il termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, c...

News Letters

0
condivisioni