Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Rapporti sociali (141599)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 24 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Simone 32

Salve, sono un ragazzo gay. E da oramai più di 4 anni non ho rapporti sessuali, per via del mio aspetto fisico non riesco a conoscere ragazzi e vengo rifiutato da quelli conosciuti in chat, cosa piuttosto umiliante in un mondo dove trovare qualcuno con cui fare sesso è normalmente semplicissimo. I miei amici (due dei quali davvero importanti per me) al contrario sono ragazzi brillanti, attraenti e con stabili relazioni sentimentali o intense vite sessuali. Benchè io sappia che essi hanno piacere a coinvolgermi nelle loro attività, spesso rifiuto i loro inviti ad uscire mentre quando sono con loro - soprattutto quando si parla delle loro avventure sessuali - mi sento nettamente inferiore e indegno della loro amicizia, per cui mi chiudo in un totale ed imbarazzante silenzio per paura di dire stupidaggini (benchè io sappia di essere una persona intelligente) o cose affatto divertenti ed essere quindi col tempo escluso dal gruppo, sapendo che ciò significherebbe rimanere del tutto solo. La cosa assurda è che sono consapevole che questo atteggiamento asociale di certo non serve a rafforzare il legame cono loro e non mi aiuterà la mia vita relazionale. Cosa dovrei fare. Rinunciare alla loro amicizia e a quella del mio migliore amico (che è per me come un fratello) e cercare frequentazioni con ragazzi più simili a me e con problemi analoghi ai miei affinchè la mia scarsa autostima possa rinvigorirsi nel sentirmi meno "diverso", oppure continuare per questa strada e cercare di godere almeno degli aspetti positivi derivanti dal frequentare chi veramente mi è amico? Grazie in anticipo per la vostra cortese risposta.

Caro Simone, essere gay non significa essere criminale, ma è un orientamento sessuale e non una malattia ne una scelta di vita. Quindi la vita sociale e relazionale deve essere vissuta nella sua interezza specialmente con amici "veri", comunque se ti senti insicuro e non hai autostima ti consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico che ti può aiutare a ritrovare quell'autostima di cui hai necessità per affrontare il mondo sociale. Auguri.

 

(Risponde il Dott. Pugelli Sergio)

Pubblicato in data 29/01/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Le parole della Psicologia

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

News Letters

0
condivisioni