Pubblicità

Rapporto completo (078300)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 39 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Paolo, 28 anni

Spettabili Dottori, volevo un consiglio sulla mia situazione:sto con una ragazza da cinque anni. Io ho ventotto anni, lei quattro di meno. La storia, nell'ottica di un rispetto credo reciproco, ha avuto la sua credo normale evoluzione nei sentimenti (i sentimenti si "evolvono", nel bene e nel male). Il mio "problema" è il rapporto sessuale completo: infatti lei dice che ha paura: nonostante abbiamo più volte "provato", lei si è sempre "scostata" all'ultimo momento. Ne abbiamo parlato, lei dice che ha paura di sentir male, ed una volta ha anche ammesso che anche secondo lei non è proprio "normale" non avere un rapporto completo dopo così tanto tempo.
Lei dice che le piace la dolcezza, ma in quel modo forse non riusciamo a "perdere le staffe" quanto basta per riuscire a infischiarsene di quelle paure. Tenete conto che neanche io non ho una grandissima esperienza nel campo. Come posso fare? La mia domanda è posta non tanto per una "esigenza materiale" quanto invece perchè ritengo anomala la situazione nell'ambito della coppia, e non vorrei fosse un indicatore di mancanza di fiducia (magari inconscia) o comunque un indicatore di qualcosa che non va nella coppia. Grazie.

Certamente c'é qualcosa che non va. Dopo cinque anni di storia affettiva la completa espressione anche sessuale del proprio amore adulto richiede di risolvere il problema definendone la causa. La paura del male é solo un fantasma che si può liquidare affrontando la cosa con dolcezza e determinazione, oppure é una resistenza invincibile che copre altri problemi da chiarire? Non si può -nel vostro caso - parlare neanche di vaginismo o di rapporto doloroso dal momento che la paura di lei vi ha impedito di provare. Vi ricordo che il problema va risolto prima del matrimonio eventuale (un matrimonio non consumato é nullo se vi sposerete in chiesa).

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di coppia e famiglia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, form...

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

News Letters

0
condivisioni